Anche Bernanke crede nel Bitcoin, che sfiora gli $800

19 Novembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Raramente si vedono numeri simili sui mercati: una moneta che registra un rialzo del 51% nell’arco di poche ore dai minimi giornalieri.

Il prezzo della cossidetta cripto-valuta, il Bitcoin, è balzato a un nuovo record assoluto in area $788, per un progresso del 51% dai minimi di seduta di $519.

A generare euforia sono state le udienze sulla valuta digitale tenute da politici e banchieri al Senato.

Il Senatore Tom Carper ha paragonato la valuta alle monete virtuali dei primi tempi in cui Internet incominciava a prendere il largo, mentre l’agente dei servizi segreti Edward Lowery ha fatto un’analogia indiretta alla reazione della gente nei confronti delle carte di credito durante il boom degli Anni 80.

“Queste innovazioni pongono rischi di natura legale e in materia di supervisione, ma ci sono anche aree in cui potrebbero esserci dei vantaggi a lungo termine, in particolare se tali innovazioni promuovono un sistema di pagamento più veloce, più efficiente e più sicuro”.

A pronunciare queste parole non è stato il creatore anonimo della valuta digitale nel 2008, che va sotto lo pseudonimo di “Satoshi Nakamoto“, bensì il presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke.