Analog Devices emette il primo green bond nel mondo dei semiconduttori

23 Aprile 2020, di Alberto Battaglia

Analog Devices, società quotata sul Nasdaq e specializzata nella produzione di semiconduttori, ha completato la prima emissione di green bond nel suo settore lo scorso 8 aprile, piazzando 400 milioni di dollari in obbligazioni senior non garantite del 2,950%. Il titolo scadrà nell’aprile 2025. La società si è detta soddisfatta dell’interesse riportato da parte degli investitori istituzionali, ha precisato il Cfo Prashanth Mahendra-Rajah: “L’emissione di obbligazioni rafforza ulteriormente la posizione finanziaria di ADI e diversifica la nostra base di investitori”.

Analog Devices destinerà i fondi raccolti tramite al finanziamento progetti che possano offrire vantaggi in termini di sostenibilità ambientale: energie rinnovabili, efficienza energetica, edifici e trasporti green, gestione sostenibile delle acque e delle acque reflue, prevenzione e controllo dell’inquinamento, prodotti, tecnologie e processi produttivi eco-efficienti come anche economia circolare sono tutti progetti citati esplicitamente nei piani di protezione e rigenerazione ambientale della società.

Sarà la società di ricerche e rating ambientali, sociali e di corporate governance Sustainalytics ad esaminare il quadro dei Green Bond, ritenuti attendibili e in linea con i quattro parametri dei Green Bond Principals 2018.

“In Analog Devices, siamo impegnati a progettare un futuro sostenibile e questo è un importante passo avanti nel promuovere la crescita sostenibile per tutti gli stakeholder dell’azienda. Siamo orgogliosi di essere i primi nel settore dei semiconduttori ad aver emesso Green Bond”, ha dichiarato Vincent Roche, presidente e ceo di Analog Devices.