Analisi petrolio: prezzi al ribasso dopo rilascio delle scorte

7 Aprile 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio sono aumentati nella giornata odierna,  dopo avere toccato il minimo delle ultime tre settimane nella sessione di ieri. Una flessione legata alla decisione presa da nazioni consumatrici di rilasciare una parte delle riserve di emergenza, con le preoccupazioni per la scarsità delle forniture che ancora offuscano le prospettive di mercato future.

Stati Uniti e altri membri dell’IEA rilasciano forniture di petrolio aggiuntive

Mercoledì, l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) ha annunciato che i paesi non membri degli Stati Uniti avrebbero fornito 60 milioni di barili di petrolio per aiutare a raffreddare gli elevati costi del carburante che stanno alimentato le recenti pressioni inflazionistiche. L’annuncio arriva dopo che gli Stati Uniti hanno già confermato che attingeranno alle proprie riserve petrolifere speciali (SPR), ritirando 180 milioni di barili al giorno che si tradurranno in 1 milione di barili al giorno per 6 mesi.

L’idea alla base di questa strategia è di aggiungere ulteriore fornitura di petrolio al mercato poiché la maggior parte dei produttori di petrolio sta già producendo alla capacità massima o quasi. L’ultimo comunicato strategico sostiene la forte posizione politica contro l’invasione russa dell’Ucraina e la riluttanza ad accettare il petrolio russo, ma restano dubbi sul fatto che sarà sufficiente a colmare la carenza complessiva di forniture.

I rilasci combinati dovrebbero aggiungere poco più di 1 milione di barili al giorno, mentre il divario rispetto al petrolio russo sanzionato ammonta a circa 2 milioni di barili al giorno. Sul tema dell’offerta aggiuntiva di petrolio, alla fine del mese scorso l’OPEC ha deciso di aumentare l’obiettivo di produzione di maggio di ulteriori 432.000 barili al giorno invece del consueto aumento mensile di 400.000. Resta da vedere se tali livelli possono essere raggiunti nella realtà poiché un certo numero di membri dell’OPEC ha sottoprodotto a causa della mancanza di investimenti e di vincoli di capacità.

Il rilascio straordinario degli Stati Uniti sarà efficace?

I rilasci delle scorte sono necessari per contenere i prezzi del petrolio nel breve termine, ma l’efficacia a lungo termine è discutibile in assenza di un calo della domanda e di una potenziale recessione. In sostanza, i rilasci strategici ridurranno le riserve petrolifere di emergenza che dovranno essere sostituite.
I rilasci dovrebbero durare fino alla fine del 2022, il che significa che le riserve dovrebbero essere ricostituite nel 2023, creando una stretta sul mercato a termine. Pertanto, potremmo benissimo assistere a un calo dei prezzi del petrolio a breve termine, ma potremmo assistere a prezzi del petrolio ostinatamente elevati nel medio e lungo termine se il panorama fondamentale dovesse persistere.

Analisi Tecnica petrolio Brent

Il Brent si è crollato in modo fenomenale dal “picco di panico” nel periodo dell’invasione russa e del primo round di sanzioni energetiche. Da allora, il mercato ha registrato massimi più bassi successivi con l’assenza di minimi più bassi. Pertanto, il greggio rimane abbastanza ben supportato al di sopra della soglia psicologica di $100, che rimane un livello importante per una potenziale rottura ribassista.

Sebbene il segno di 100 sia importante, il livello di $95,60 sarebbe più indicativo di una continuazione ribassista in quanto segna il minimo post-invasione. Il prossimo livello di supporto sarebbe in zona $92.

Prezzi più alti da qui non dovrebbero essere scontati. La candela di ieri e l’attuale azione sui prezzi rivelano due ampie ombre (wicks) che tendono a segnalare un rifiuto di possibili prezzi più bassi intorno al livello psicologico di $100.

Una mossa rialzista rimane costruttiva al di sopra di $103 con una rottura sopra $105; la trendline ascendente fornisce un’ulteriore confluenza per il trend rialzista a lungo termine.

Grafico giornaliero del petrolio Brent

Gianmarco Carriol | Wall Street Italia