Analisi Ftse Mib medio termine mediante la tecnica di Gann

15 Aprile 2016, di Francesco Massetti

Analisi Ftse Mib di medio periodo

Analisi Ftse Mib mensile, di Francesco Massetti

analisi ftse mib

 

Breve introduzione all’analisi dei mercati finanziari attraverso la teoria di Gann

William Delbert Gann fu uno dei primi economisti americani dei primi anni del ‘900 a concepire i movimenti dei mercati finanziari in maniera ciclica ed a porre la massima attenzione sulla dimensione del temporale. I trend di mercato si evolvono secondo forze la cui direzionalità sono rappresentate da vettori sia di prezzo e sia di tempo e la cui risultante costituisce il valore di incremento o decremento di un titolo al variare dell’unità temporale. Questo vettore chiamato 1 per 1 (simboleggiato 1 X 1 o unità di prezzo su unità di tempo) costituisce gli obiettivi Prezzo-tempo di un titolo finanziario. Tale vettore moltiplicato o diviso per due produce un ventaglio di angoli che mostra l’accelerazione o decelerazione della commodities quotata ed i relativi supporti e resistenza angolari. L’economista americano nel spigare la dimensione temporale, il Time Factor, affermò che la cosa più importante non e’ entrare in un mercato su un massimo o un minimo di un’azione, ma al tempo opportuno.

Analisi Ftse Mib medio periodo

Dall’importante segnale temporale di gennaio 2016 l’ Indice Ftse Mib ha accelerato la corsa ribassista fini a toccare a febbraio un minimo a quota 15.773. L’eccesso di ribasso dell’indice italiano e’ stato parzialmente riassorbito dal supporto angolare 1 X 2 avente origine dal bottom di luglio 2012: il mese di marzo ha visto una prima reazione positiva,  che si e’ conclusa proprio su tale angolo a quota 18.116,9 (vedi foto).

Il mese di aprile 2016 coincide con un’importante Pivot temporale che determinerà la nascita di un nuovo ciclo di mercato nel medio termine.

Analisi Ftse Mib : la prima parte del mese di aprile ha visto il mercato italiano ancora in difficoltà visto che e’ stato negato il minimo di marzo 2016 in area 17.500. Tuttavia il Pivot temporale indicherà la vera direzionalità del mercato alla scadenza del mese stesso. Pertanto la violazione rialzista nel mese o quello successivo di area 19.240 instaurerà un forte movimento positivo per i prossimi mesi. Prime resistenze dinamiche a quota 19.500; statiche a 21.190.

Se l’Indice terminerà il mese al di sotto di area 17.500 indicherà ancora una debolezza strutturale che sarà ulteriormente testata alla prossima scadenza temporale di Giugno 2016. Prossimi supporti dinamici 18.160; 16.690; 15.250.

Forexgann.net

Di Francesco Massetti