Ammutinamento, Merkel in bilico: spodestato suo fedelissimo

26 Settembre 2018, di Alessandra Caparello

Ancora guai per il governo di Angela Merkel che deve subire un nuovo duro contraccolpo. Ieri uno dei suoi più stretti e fidati collaboratori, Volker Kauder da 13 anni capogruppo parlamentare CDU-CSU è stato sconfitto da Ralph Brinkaus, ottenendo 125 voti contro i 112 in una votazione a scrutino segreto.

Kauder, 69 anni, non era ben visto da molto tempo nel gruppo parlamentare dei conservatori tedeschi. Un vero e proprio ammutinamento che a Berlino interpretano come il segno evidente della disfatta politica della cancelliera.

Questo è un momento democratico in cui ci sono anche le sconfitte.

Così la Merkel parlando subito dopo la votazione ai giornalisti come riporta oggi Bloomberg. Brinkhaus, il nuovo capogruppo esperto di bilancio e finanza aveva lanciato appelli per frenare la riforma della zona euro.  Come sottolinea Carsten Nickel, analista di Teneo Intelligence:

La sua elezione riflette il desiderio di un profilo di centro destra più distinguibile e di un ruolo più importante per i parlamentari dopo anni di dominio diretto e ultra pragmatico sul CDU della cancelliera.

Una elezione che ha visto l’esultanza del partito di estrema destra, l’AfD che per la prima volta lo scorso anno ha conquistato seggi nel Bundestang. Come ha affermato Alice Weidel, co-leader del partito insieme ad Alexander Gauland:

E’ iniziata la fine di Angela Merkel. Speriamo ora che ne esca più rapidamente possibile.

I prossimi appuntamenti elettorali decideranno quando e nella forma con cui la cancelliera lascerà il passo. Già il prossimo mese si voterà in Baviera e poi successivamente in Assia e poi nel 2019 l’appuntamento clou con le elezioni europee.