Allarme FMI: governi si preparino a “tempesta economica”

11 Febbraio 2019, di Mariangela Tessa

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha avvertito i governi di prepararsi a una possibile tempesta economica. “Vediamo un’economia che sta crescendo più lentamente di quanto avevamo previsto”, ha detto il direttore del Fondo Monetario Internazionale Christine Lagarde ieri da Dubai, in occasione dell’apertura del World Government Summit. Il mese scorso, il FMI ha abbassato le sue previsioni di crescita economica globale per quest’anno dal 3,7 al 3,5 per cento.

I rischi intravisti includono “tensioni commerciali e aumenti tariffari, inasprimento finanziario, incertezza legata alla Brexit e gli effetti del rallentamento dell’economia cinese”.

Le dichiarazioni arrivano due giorni dopo l’allarme lanciato sui paesi esportatori di petrolio che, secondo Lagarde, non si sono completamente ripresi dal drammatico shock del prezzo del petrolio del 2014.

“Il calo delle entrate ha coinciso con un’impennata del debito del debito pubblico, passato dal 13% del PIL nel 2013 al 33% nel 2018.ha detto Christine Lagarde, amministratore delegato del Fondo monetario internazionale.

Lagarde ha detto che l’incertezza nelle prospettive di crescita per gli esportatori di petrolio riflette anche i movimenti da parte dei paesi a spostarsi rapidamente verso le energie rinnovabili nei nuovi decenni, in linea con il patto di Parigi sui cambiamenti climatici.