Alitalia: si fa avanti il patron della Lazio Claudio Lotito

13 Giugno 2019, di Alessandra Caparello

Anche Claudio Lotito si fa avanti nel dossier Alitalia. Il patron della Lazio ha dichiarato di aver formalizzato un’offerta riservata di acquisto per l’ex compagnia di bandiera, finita in amministrazione straordinaria dal 2 maggio del 2017, ma i cui dettagli al momento non sono noti.

Lotito avrebbe scritto al Ministero dello Sviluppo economico, Ferrovie dello Stato e ai commissari di Alitalia per manifestare il suo interesse non vincolante per la compagnia aerea. Ma fonti vicine al Ministero dell’economia però hanno riportato al Corriere della Sera che negli ultimi giorni in merito al caso Alitalia non si è mai fatto il nome nè di Lotito, nè di Toto. Le parti coinvolte nel dossier Alitalia, a detta delle fonti, avrebbero già in mano una bozza con il piano di rilancio sulla flotta, la rete di collegamenti e il personale.

A me basta che si tutelino 11 mila posti di lavoro e che l’Italia abbia una compagnia di bandiera efficiente e che guardi al futuro, che cresca e compri aerei. Non ho pregiudizi nei confronti di nessun investitore, non me ne occupo io, mi occupo di sicurezza.

Così il vicepremier Matteo Salvini ai cronisti della Camera, mentre il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha spiegato il meccanismo in caso di un intervento nel capitale di Alitalia.

In via del tutto preliminare la tempistica per l’intervento del Mef prevede in primo luogo la presentazione nel rispetto della normativa europea della concorrenza di una proposta di acquisto vincolante da parte di soggetti che hanno manifestato l’interesse e, dopo la valutazione favorevole da parte dei commissari e del Mise, l’emanazione di un decreto del ministro dello Sviluppo economico di autorizzazione alla cessione dei contesti aziendali oggetto della procedura di vendita.

Tutto ancora incerto quindi mentre si va verso un’ulteriore proroga dei termini di presentazione dell’offerta vincolante per la nuova compagnia.