Alert Fed: i tassi Usa potrebbero cominciare a salire

13 Dicembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – Ben Bernanke e colleghi potrebbero non mantenere la promessa di mantenere i tassi sui fed funds Usa al minimo storico, dunque al livello vicino allo zero attorno al quale oscillano al momento, fino alla metà del 2013. E’ quanto riporta Bloomberg, nella giornata in cui il Fomc, il braccio di politica monetaria della Fed, si esprimerà in quella che sarà la sua ultima riunione dell’anno.

Secondo gli economisti interpellati da Bloomberg, di fatto il bisogno di effettuare acquisti su larga scala dei bond starebbe diminuendo. E’ per questo motivo che il 64% degli intervistati ritiene che la Banca centrale americana deciderà di mutare il suo impegno a mantenere i tassi vicino allo zero prima del mese di giugno. Il 51% crede anche che la Fed abbandonerà l’opzione di lanciare un terzo round di misure espansive di politica monetaria, ovvero un QE3.

Il motivo risiede nei dati “migliori delle attese che sono stati resi noti, e nelle revisioni al rialzo degli indicatori che erano stati comunicati in precedenza”, ha detto Sam Bullard, economista senior presso Wells Fargo Securities. Dunque, “il presupposto è che il QE3 non si verificherà”.