Alert contrarian: Cohen ottimista sulla crescita economica Usa

di Redazione Wall Street Italia
1 Maggio 2012 08:27

New York – Crescono i timori sulla ripresa economica degli Stati Uniti, con segnali di forza puntualmente seguiti da dati poco incoraggianti. Ci pensa allora Abby Joseph Cohen a portare una ventata di ottimismo, per lo meno per chi si fidasse.

La strategista senior di Goldman Sachs, conosciutissima per il suo continuo posizionamento toro, costantemente smentito dai risultati del mercato, sostiene che nonostante il rallentamento della ripresa gli Usa non finiranno in recessione.

“Tutto quello a cui devi credere è che riusciremo ad evitare una nuova recessione nei prossimi anni“, ha detto la Cohen alla trasmissione della CNBC Squawk. “E’ questa la nostra previsione sull’outlook economico, nonostante continuiamo a vedere un continuo rallentamento del processo di ripresa”.

I tassi di interesse attuali, estremamente bassi su base storica, continuano a rendere l’azionario un investimento nettamente migliore rispetto ai bond, che ormai hanno un determinato grado di rischio, dopo che per anni erano stati percepiti come investimento sicuro.

“Ci è difficile vedere come in futuro i bond riescano a garantire rendimenti simili a quanto fatto negli ultimi 30 anni. L’azionario sembra al momento avere delle valutazioni molto interessanti”.

Conferma quanto recentemente stimato dal suo collega economista a Goldman, Jan Hatzius, secondo cui la seconda metà del 2012 sarà più difficile rispetto a questi primi sei mesi. “Notiamo un rallentamento dell’attività economica”, dopo un inverno mite che potrebbe aver sostenuto il forte rimbalzo del primo trimestre.

Ma in fin dei conti, conclude, anche bassa crescita è pur sempre crescita, e il trend di lungo periodo resta al rialzo.