ADI: 90,5% dei ricercatori sarà espulso dall’Università italiana

15 Maggio 2019, di Angelantonio Viscione

In Italia il 90,5% dei ricercatori è destinato a lasciare l’Università. Sono dati allarmanti che testimoniano l’enorme spreco di capitale umano formato nei nostri atenei.

La stima proviene dall’ADI – Associazione dottorandi e dottori di ricerca in Italia, che ha elaborato i dati ministeriali del database Cineca nella sua VIII Indagine ADI sul Dottorato e Postdoc, presentata lo scorso 8 maggio presso la sala Caduti di Nassirya del Senato, a Roma.

Dati come questi spiegano perché gran parte dei ricercatori italiani emigra verso l’estero, dove gli investimenti nel mondo universitario sono decisamente maggiori. Il finanziamento pubblico alle università italiane è infatti pari allo 0,41% del Pil, contro lo 0,93% della Germania o l’1,06% della Francia (dati Eua, 2017).

[Continua sul blog “In crisi”: clicca qui]