AdF, utile netto in rialzo nel 2009

12 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Nel 2009, i ricavi consolidati di Aeroporto di Firenze hanno raggiunto 35,5 mln di euro, in diminuzione dell’8% rispetto ai 38,5 mln del 2008. Il margine operativo lordo, conseguentemente, si attesta a 10,6 mln di euro (30,0% dei ricavi totali), in diminuzione di 0,6 mln euro (-5,5%) rispetto al 2008 (11,3 mln di euro, 29,2% dei ricavi totali). Il risultato operativo è sostanzialmente in linea con quello del 2008. Ha infatti registrato una contrazione di 0,1 mln euro (-2,2%), passando dai 6,6 mln di euro del 2008 ai 6,5 del 2009. Si rammenta comunque come il risultato operativo del 2008 sia stato influenzato da accantonamenti a fondo svalutazione crediti di 1 mln euro circa, legati fondamentalmente alla ipotesi di un mancato recupero dei crediti vantati verso Alitalia in amministrazione controllata. Il risultato ante imposte ammonta a 6,0 mln di euro, in diminuzione di 0,2 mln di euro rispetto al risultato del 2008. Le imposte ammontano a 2,5 mln di euro, in diminuzione di 0,2 mln di euro rispetto all’anno precedente. L’esercizio 2009, quindi, si è concluso con un utile netto pari a 3,5 mln di euro, in aumento di 0,2 mln di euro rispetto all’utile netto del 2008 (3,3 mln di euro). Il risultato netto consolidato è stato influenzato positivamente dal consolidamento del 100% del risultato netto della controllata Parcheggi Peretola S.r.l., a seguito dell’acquisto del residuo 49% della stessa da parte di AdF in data 30 settembre 2008. L’indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2009 ammonta a 6,8 mln di euro rispetto a 8,4 mln di euro al 31 dicembre 2008, con una diminuzione di 1,6 mln euro. Nonostante i segnali di ripresa che si intravedono tra la fine del 2009 e l’inizio del 2010, la situazione di crisi potrebbe continuare a far sentire i suoi effetti anche durante l’anno in corso. La contrazione della domanda di traffico causata dalla difficile congiuntura economica globale lascia prevedere per il Gruppo AdF un 2010 sostanzialmente in linea rispetto ai risultati del 2009. Il Consiglio ha quindi proposto all’Assemblea il pagamento di un dividendo di 0,10 euro per ognuna delle 9.034.753 azioni, in riduzione del 41% rispetto al 2008, pari a 0,17 euro per azione, per mantenere le risorse finanziarie necessarie per l’auspicabile ri-orientamento della pista di volo.