Acquistare casa al mare: le isole campane il posto più caro d’Italia

2 Luglio 2019, di Alessandra Caparello

Chi decide di regalarsi una casa di fronte alle coste napoletane, su una delle isole dell’arcipelago campano, può arrivare a spendere il 234 per cento in più rispetto alla media nazionale.
Così una recente analisi di Immobiliare.it che mette in luce i prezzi medi richiesti da chi vende casa nelle località marittime stilando la top 10 delle zone costiere più care d’Italia per l’acquisto di un immobile residenziale con i relativi valori al metro quadro e il rapporto con il prezzo medio nazionale (1.879 euro al metro quadro).

Ebbene le isole campane (Ischia, Capri, Procida, Vivara e Nisida) sono senza dubbio il posto di mare dove comprare casa più caro d’Italia, con prezzo medio di 6,269 euro al metro quadro, seguite dalla Riviera di Levante.
Per compare casa a Portofino e dintorni si spendono 5.908 euro al mq, +214% rispetto alla media nazionale.
Al terzo posto della classifica sui posti di mare più cari del paese, troviamo nuovamente la Campania con la Costiera Amalfitana. Qui per comprare casa si deve mettere in conto una spesa media di 5.391 euro al metro quadro. Per scendere sotto la soglia dei 5.000 euro/mq bisogna andare in Versilia e alle Cinque Terre dove rispettivamente si spendono 4.983 euro e 4.603 euro. Si aggirano su una media di 3.900 euro al metro quadro i costi medi degli immobili nella Costiera Sorrentina, in Campania, e nella Riviera di Ponente, in Liguria, dove si spende il doppio in confronto alla media nazionale.

I posti più economici? La Calabria senza dubbio dove i prezzi per acquistare casa vista mare rimangono ancora accessibili con una media di 1.288 euro al metro quadro.