Abramovich vende il Chelsea, ma il grosso del patrimonio è altrove

3 Marzo 2022, di Mariangela Tessa

Dopo i rumors dei giorni scorsi, è arrivata la conferma: l’oligarca russo Roman Abramovich ha annunciato che venderà la squadra di calcio inglese del Chelsea, di cui è proprietario da quasi vent’anni.

Lo ha detto spedato lui stesso in un comunicato, spiegando che “ho dato mandato di creare una fondazione benefica a cui verranno devoluti i guadagni della vendita. La fondazione sarà dedicata a tutte le vittime della guerra in Ucraina. […] È stato incredibilmente difficile prendere questa decisione, e mi addolora lasciare il club in questo modo”.

Quanto vale il Chelsea di Abramovich 

Quanto vale il club londinese? Secondo le voci che circolano sul mercato, Abramovich sarebbe intenzionato a incassare oltre 3 miliardi di sterline (ben oltre i 3,5 miliardi di euro), una valutazione che sembra tuttavia lontana dal valore di mercato più vicino a 2 miliardi di sterline (poco più di 2,4 miliardi di euro).

Acciaierie e paradisi fiscali, il patrimonio di Abramovich

Per quanto significativa, si tratta comunque di una cifra irrisoria se paragonata al patrimonio di Abramovich, la cui vera ricchezza ruota intorno al Evraz, il primo produttore di acciaio russo, uno dei più grandi al mondo ( 70 mila dipendenti, 12 miliardi di ricavi), di cui è il principale azionista con una quota del 28,6%.

Una ricchezza immensa che tuttavia sta subendo pesanti perdite in Borse: nel giro di poche settimane, il titolo, quotato alla Borsa di Londra, è passato da 600 a 60 sterline. Ma allo stesso tempo ha confermato la distribuzione di un dividendo da 1,2 miliardi di sterline che sicuramente porterà una boccata d’ossigeno al magnate.

Oltre alla partecipazione in Evraz, l’uomo d’affari russo (che ha anche passaporto israeliano e portoghese) avrebbe, in compagnia di altri oligarchi russi, un patrimonio di miliardi custodito nei paradisi fiscali delle British Virgin Island. Secondo un report della Ong Global Witness, i super ricchi russi avrebbero messo al sicuro nei paradisi fiscali 38,6 miliardi di euro. Una cifra cinque volte superiore a quella investita dai cittadini russi in

Abramovich, 55 anni, è uno degli oligarchi russi più noti, ha iniziato la sua attività imprenditoriale tra gli anni Ottanta e Novanta, fondando diverse società di import-export. Secondo il Bloomberg Billionaires Index ha un patrimonio netto stimato in 13,5 miliardi di dollari, mentre nella classifica di Forbes del 2020, risulta l’uomo più ricco d’Israele e il 113° al mondo.