ABI: DA NOI NESSUN PERICOLO

18 Settembre 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 18 set – In un’intervista al Messaggero il presidente dell’Associazione bancaria italiana, Corrado Faissola, interviene dopo il nuovo scossone ai mercati innescato dalla crisi della Northern Rock e rassicura: “Non voglio dire che l’Italia sia un’isola felice perchè in un mondo globalizzato le isole felici non esistono. Ma le politiche portate avanti dalle banche italiane, che sono state sempre avvedute nel valutare il rischio, oggi stanno dando i loro frutti”. “Le banche italiane – continua Faissola – hanno sempre messo a disposizione dei clienti amplissime quantità di credito, ma sono state in grado di valutare la capacità che avevano famiglie e imprese di sostenere la loro esposizione”. In questo momento dunque le banche italiane hanno visibilità positiva all’estero anche perchè il nostro, sottolinea Faissola, “è un sistema bancario solido, capace di superare anche crisi come queste”. Per quanto riguarda la situazione inglese degli ultimi giorni, dove c’è stato un corto circuito tra banche e clienti, il presidente dell’Abi ricorda che “in Italia successe ai tempi del Banco Ambrosiano e della Cassa di Risparmio di Prato. Casi che sono stati gestiti con grande senso di responsabilità e senza strascichi a carico dei risparmiatori”. E nota che in Italia “talvolta i risparmiatori hanno mosso critiche alle banche: ma la fiducia sul fatto che mantengono gli impegni non è mai stata intaccata”.