40 MILIARDI DI IMPOSTE AMBIENTALI (3% DEL PIL)

7 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

– Roma, 7 giu – L’Istat ha reso noto che nel 2005 il gettito complessivo delle imposte ambientali è stato di oltre 40 miliardi di euro, pari a poco più del 7% delle entrate totali da imposte e contributi sociali delle Pubbliche Amministrazioni, e a quasi il 3% del Pil. Nel periodo 1990–2005, a fronte di un incremento di quasi l’80% del gettito delle imposte ambientali, risultano diminuite sia la quota delle imposte ambientali sul totale delle imposte e contributi sociali (-22%) sia la quota delle imposte ambientali sul Pil (-11%). In Italia le imposte ambientali includono tributi che appartengono a tre principali categorie: imposte sull’energia: comprendono le imposte su oli minerali e derivati, gas incondensabili, Gas Propano Liquido (GPL), gas metano, energia elettrica e consumi di carbone; imposte sui trasporti: vi rientrano le imposte automobilistiche pagate dalle famiglie e dalle imprese, l’imposta relativa al Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e l’imposta sulle assicurazioni relative alla RC auto; imposte sull’inquinamento: includono il tributo speciale per il deposito in discarica, la tassa sulle emissioni di anidride solforosa e di ossidi di zolfo, il tributo provinciale per la tutela ambientale, il contributo sulla vendita di prodotti fitosanitari e l’imposta regionale sulle emissioni sonore degli aeromobili. La componente più rilevante è costituita dalle imposte sull’energia, il cui gettito ha rappresentato, nella media del periodo considerato, l’83% del totale delle imposte ambientali pari a poco meno del 7% del totale imposte e contributi sociali e al 2,7% circa del Pil. La quota restante è coperta quasi interamente dalle imposte sui trasporti, il cui gettito ha rappresentato il 16% circa del totale delle imposte ambientali, pari a poco più dell’1% del totale imposte e contributi sociali e allo 0,5% circa del Pil. Le imposte sull’inquinamento, presenti soltanto a partire dal 1993, rappresentano una percentuale molto ridotta del gettito complessivo delle imposte ambientali, pari in media all’1% circa.