2020: un’altra annata da dimenticare per i vitivinicoltori italiani

24 Luglio 2020, di Mariangela Tessa

Ancora un annata da dimenticare. È quella che si prospetta per il vitivinicoltori italiani. Che, dopo un 2019 difficile dal punto di vista climatico, quest’anno devono vedersela con la pandemia di coronavirus.

Il lockdown in Italia e nella maggior parte dell’Europa ha posto un forte freno alla richiesta di vini da parte di ristoranti e bar. Sebbene la vita stia tornando alla normalità, gli esperti del settore prevedono un anno debole.

“Per i produttori di vino italiani il futuro non sembra troppo brillante al momento”, ha detto a CNBC Daniel Mettyear, direttore delle ricerche di IWSR Drinks Market Analysis.
“Per cominciare, il mercato interno è stato duramente colpito dagli effetti dell’epidemia di coronavirus e del successivo periodo di blocco. Oltre il 50% del consumo di vino in Italia avviene in bar e ristoranti. C’è poi un ulteriore 15% che viene venduto in negozi di quartiere più piccoli che sono rimasti tutti chiusi durante il pesante periodo di blocco “.

Nel 2019 produzione colpita dalla alluvioni e siccità

L’Italia è il primo paese produttore di vino al mondo. E come altri grandi produttori, nel 2019 ha visto scendere i livelli di produzione del 15% rispetto all’anno prima.

Complessivamente, a livello mondiale le stime dell’ Organisation of Vine and Wine indicano che, lo scorso anno, la produzione mondiale di vino è scesa del 10% rispetto all’anno precedente, tra i 258 e 267 milioni di ettolitri, tornando al livello medio degli ultimi anni dopo una “produzione eccezionalmente elevata nel 2018. ”

Il declino del 2019 per Italia, Spagna e Francia (i tre paesi rappresentano l’80% della produzione vinicola dell’UE) è stato causato  principalmente da condizioni meteorologiche avverse, in particolare una primavera molto fredda e piovosa seguita da un’estate estremamente calda e secca.

Nuovo calo atteso per il 2020

Come dicevamo, il 2020 non promette nulla di buono. Con la crisi del coronavirus, si prevede che i viticoltori saranno colpiti ancora più duramente, specialmente in Italia, epicentro dell’epidemia prima che si diffondesse in tutto il continente europeo.

L’IWSR prevede che i volumi di vini fermi italiani diminuiranno del 9,54% mentre quelli degli spumanti italiani diminuiranno del 16,86%, trainati da alti cali a doppia cifra sulla maggior parte dei mercati chiave.

Sebbene il consumo di alcol a casa sia aumentato durante la crisi, “la crescita dei consumi nei supermercati non sarà sufficiente a recuperare le perdite in altre parti del mercato”, ha osservato l’IWSR, aggiungendo che le prospettive per gli esportatori di vino a livello globale non sono omogenee.

“Sul fronte delle esportazioni, mentre alcuni mercati come gli Stati Uniti e il Canada si aspettano un calo relativamente moderato e alcuni si aspettano addirittura una crescita (vino fermo in Svezia e spumante in Francia, Australia e Messico), le aspettative complessive sono in forte calo poiché gli effetti della pandemia, il blocco e la ricaduta economica porteranno a un significativa flessione della domanda”, ha concluso Mettyear dell’IWSR.