Macron: “rischiamo guerra civile in Unione Europea”

17 aprile 2018, di Livia Liberatore

Il presidente francese Emmanuel Macron sfida populisti ed euroscettici nel suo discorso al Parlamento europeo. Traccia il quadro di un progetto europeo che “non è datato, ma certamente fragile” e sostiene che sposare la democrazia liberale e i suoi valori è l’unica soluzione possibile per rispondere ai pericoli che si trova di fronte l’Unione. Pericoli molto seri, secondo Macron, che ha detto:

“Non possiamo far finta di essere in un tempo normale, c’è un dubbio sull’Europa che attraversa i nostri Paesi, sta emergendo una sorta di guerra civile europea, ma non dobbiamo cedere al fascino dei sistemi illiberali e degli egoismi nazionali”.

Macron ha invitato i parlamentari europei a rilanciare il progetto europeo attorno a una nuova sovranità che va “reinventata” a partire da elementi come sicurezza e difesa, sfida climatica, salute alimentare, dimensione sociale, regolamentazione dei giganti del web. Solo così si potrà ricostruire la fiducia dei cittadini europei per i governi e per l’Ue. Per il presidente francese, è importante restare uniti di fronte alle sfide che arrivano dalla Russia o dagli Usa sul commercio.

Macron si è soffermato anche sulla necessità di dotare la zona euro di una propria capacità di bilancio. Risorse comuni che potrebbero essere destinate ad aiutare “le collettività locali che stanno facendo il loro possibile per integrare stranieri”, ha detto il presidente francese nei 20 minuti del suo discorso a Strasburgo. La Francia è pronta anche ad aumentare il suo contributo al prossimo bilancio comunitario, ha affermato anche Macron.

“Quando sento che il presidente francese si esprime in questo modo, mi dico che la vera Francia è tornata ” , ha commentato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker .

Hai dimenticato la password?