Lotta alle fake news: Soros vuole creare rivale di Facebook

17 maggio 2017, di Daniele Chicca

George Soros ora vuole lavorare a un nuovo social media che faccia concorrenza a Facebook. La motivazione che spingerebbe il finanziere multi miliardario – ideologicamente vicino al campo dei progressisti – a lanciarsi in questa nuova avventura è quella di contrastare la diffusione di notizie tendenziose o false sui social media, e l’ascesa dei siti di informazione dell’ultra destra conservatrice americana.

La proposta di uno spazio social finanziato con i soldi dei contribuenti viene per la precisione non da Soros ma da uno dei membri del consiglio della sua organizzazione internazionale: stiamo parlando del ricercatore Ethan Zuckerman, esponente del board della Open Society Foundations.

“Una piattaforma di social media pubblica avrebbe la missione civica di offrirci una visione dl mondo globale e differente” da quella che formano i media tradizionali e quelli più faziosi, come Drudge ReportWashington Examiner, InfoWars, di Alex Jones e Breitbart, fondato dall’ex consulente dello staff di Trump, Steve Bannon.

Facebook invece, da parte sua, sempre secondo Zuckerman, essendo un gruppo privato “non ha alcun obbligo di fornire un punto di vista di ampio respiro” e neutrale.

L’Open Society Foundations è un’organizzazione controversa. Con lo statuto di organizzazione filantropica ha come mission di facciata quella di dare battaglia ai fascismi e alla corruzione e di promuovere i valori della democrazia nel mondo. È accusata di aver promosso la propaganda filo europeista e finanziato le campagne anti governative in diversi paesi come Ungheria e Ucraina.

Gli hacker russi del sito DCleaks.com, che hanno avuto accesso ai file riservati di una delle decine di fondazioni finanziate da Soros, hanno definito il magnate di origini ungheresi “l’artefice e lo sponsor di quasi ogni rivoluzione e colpo di Stato avvenuti nel mondo negli ultimi 25 anni”.

Nei documenti riservati della fondazione trafugati in passato da Wikileaks era emerso inoltre come il gruppo di Soros volesse lottare contro le minacce alla democrazia come “il declino del dibattito basato sui fatti” e “le decisioni della Corte suprema e una vita pubblica e politica inondata dall’indebita influenza degli interessi dei ricchi che agiscono per loro beneficio”.

 

Hai dimenticato la password?