Fca ai massimi: nuovi rumor su scorporo Magneti Marelli

24 agosto 2017, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – L’interesse per Jeep da parte dei cinesi di Great Wall Motors, lo spin-off di Alfa Romeo e Maserati e da ultimo la quotazione di Magneti Marelli. Protagonista della finanza internazionale è FCA e le ultime indiscrezioni sui progetti industriali del gruppo guidato da Sergio Marchionne.

In attesa della presentazione, prevista per il primo semestre del  2018, del nuovo piano industriale di FCA, gli ultimi rumor parlano di uno scorporo dei brand premium del gruppo, ossia Alfa Romeo e Maserati entro la fine del 2018. A tenere banco, secondo quanto riporta La Stampa, anche la quotazione a Piazza Affari di Magneti Marelli, operazione che potrebbe accelerare il piano per l’azzeramento dell’indebitamento di FCA che a quel punto potrebbe generare 7 miliardi di euro e aver maggior peso per trattare con un eventuale partner.

Gli analisti di Intermonte sottolineano che lo scorporo di Magneti Marelli sia da considerarsi più probabile nonchè realizzabile con una tempistica ristretta  e valutano gli asset della componentistica (Magneti Marelli, Comau e Teskid) circa 6,1 miliardi sulla base dei multipli medi di settore. Mediobanca Securities assegna invece a tale perimetro di attività un’enterprise value di 4,2 miliardi. Per la banca d’affari infatti, Fca può valere 17,1 euro per azione, ma  valorizzando Alfa più Maserati si arriva a 5,6 miliardi di euro e la componentistica a 4,2 miliardi.

“Il nostro target price a 14 euro non si basa su un approccio legato alla somma delle parti. Tuttavia, la nostra somma delle parti per marchi porterebbe a un fair value per Fca  di 17,1 euro per azione, valorizzando Alfa più Maserati a 5,6 miliardi di euro a livello di enterprise value e l’attività di componentistica auto a 4,2 miliardi di euro, sempre a livello di enterprise value”.

Hai dimenticato la password?