Cartelle esattoriali: corsa alla rottamazione, extragettito per 2 miliardi

14 agosto 2017, di Mariangela Tessa

E’ boom per la rottamazione delle cartelle esattoriali. Secondo quanto apprende l’ANSA, le adesioni alla definizione agevolata dei crediti col fisco dovrebbero portare in dote al governo per la prossima legge di Bilancio un extragettito di almeno 1,5-2 miliardi.

Stando alle prime proiezioni dei dati alla prima scadenza di luglio, se i pagamenti delle altre rate continueranno regolarmente, sarà possibile superare ampiamente il target di 7,2 miliardi fissato dal decreto fiscale collegato alla scorsa manovra.

Nonostante numeri, per adesso non confermati ufficialmente, così favorevoli, alcuni critici delle procedure tecniche adottate per realizzare l’operazione hanno sostenuto che se il periodo per la rateazione delle cartelle fosse stato più lungo il gettito sarebbe probabilmente ancora superiore.

In ogni caso per poter valutare correttamente l’esito finale della rottamazione il Governo dovrà fare bene i conti con un’altra variabile, ossia quanti contribuenti decideranno di pagare solo la prima rata per mettersi al riparo da ipoteche o azioni esecutive in corso d’anno, per poi interrompere i versamenti.

Del resto, una situazione del genere si è già verificata. Nel 2011, dopo 10 anni dal condono targato Governo Berlusconi mancavano all’appello oltre 4 miliardi di rate non pagate.

Hai dimenticato la password?