Bitcoin “sistema rivoluzionario”, secondo Banca centrale Finlandia

12 settembre 2017, di Livia Liberatore

I ricercatori della Banca centrale della Finlandia hanno definito rivoluzionario il sistema economico della criptovaluta Bitcoin. In un nuovo documento, pubblicato il 5 settembre, gli economisti sono arrivati alla constatazione che la tecnologia costituisce “un monopolio gestito da un protocollo” e non da una amministrazione. I tre autori del paper sostengono che questa caratteristica offra protezione contro la manipolazione da parte di attori cattivi, grazie ad alcune specifiche dinamiche di protocollo.

Secondo la Banca centrale finlandese il Bitcoin non può essere regolato a causa di questo stato delle cose. Non sarebbe necessario regolare il sistema perché si attiene al protocollo e le commissioni di transazione addebitate agli utenti sono determinate dagli utenti indipendentemente dagli sforzi dei minatori.

Il documento afferma che le opinioni esposte non rappresentano la posizione ufficiale della Banca centrale della Finlandia ma sono comunque notevoli perché provengono da un’istituzione autorevole. Lo scorso anno la Banca finlandese organizzò un seminario sulla Blockchain che ha coinvolto autorità di regolamentazione, accademici e aziende locali per sostenere la ricerca, una mossa sostenuta dal governo.

Gli autori del documento auspicano ricerche approfondite da parte di altri accademici. “L’apparente funzionalità e utilità di Bitcoin”, si legge, “dovrebbero incoraggiare gli economisti a studiare la sua meravigliosa struttura”. Il rapporto arriva nei giorni in cui, secondo alcune fonti, la Cina avrebbe deciso di bloccare le piattaforme locali di criptovalute, il che rappresenterebbe un duro colpo per il mercato in espansione.

Hai dimenticato la password?