WikiLeaks: piano top secret, come corporation domineranno mondo

17 Dicembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Nuove rivelazioni da WikiLeaks, che ha pubblicato un mese fa la bozza top-secret del capitolo relativo alle proprieta intellettuali del negoziato TPP (Trans-Pacific Partnership Agreement) probabilmente uno dei piu’ rilevanti accordi economici di sempre, che e’ stato discusso nel corso di un meeting in programma dal 19 al 24 novembre a Salt Lake City, nello Utah.

Il TPP e’ il precursore dell’altrettanto segreto TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership), l’accordo Usa-Ue per il quale il presidente Barack Obama ha dato il via ai negoziati lo scorso gennaio.

Entrambi i patti escludono la Cina e la Russia e avranno un impatto fortissimo sull’economia mondiale, visto che coprono oltre il 60% del prodotto interno lordo mondiale. I paesi che stanno negoziando per il TPP sono dodici: Usa, Giappone, Messico, Canada, Australia, Malesia, Cile, Singapore, Peru’, Vietnam, Nuova Zelanda e Brunei.

“I padroni del mondo”: compra una copia

Sfoglia l’indice e acquista l’ebook

Il testo ottenuto da WikiLeaks dopo un meeting che si e’ tenuto fra il 26 e il 30 agosto in Brunei, contiene le annotazioni sulle posizioni dei singoli paesi su alcuni temi caldi, come i medicinali, l’editoria, i servizi internet, le liberta’ civili e i brevetti biologici. I negoziati – scrive WikiLeaks sul suo sito – sono giunti a uno stato cruciale.

L’amministrazione di Obama sta predisponendo una corsia preferenziale per il provvedimento, in modo da evitare che il Congresso possa emendarlo. Sia Obama che altri capi di Stato dei paesi coinvolti hanno piu’ volte dichiarato l’intenzione di ratificare l’accoro entro la fine del 2013.

”Gli Stati Uniti stanno spingendo in modo aggressivo il TPP attraverso il processo legislativo in modo furtivo”, ha commentato il fondatore di WikiLeaks, Jiulian Assange.

”Se entrera’ in vigore il capitolo sulla proprieta’ intellettuale del TPP calpestera’ i diritti individuali e la liberta’ di espressione. Se leggi, scrivi, pubblichi, pensi, ascolti, balli, canti o inventi, se produci o consumi cibo, se sei malato o ti ammalerai in futuro, finisci nel mirino del TPP’.
(Asca)