Warren Buffett: la sua Berkshire Hathaway perde oltre 40 miliardi di dollari

16 Agosto 2022, di Alessandra Caparello

Per la serie anche i ricchi piangono, Warren Buffett, uno degli uomini più ricchi del mondo, anche conosciuto come l’Oracolo di Ohama nel secondo trimestre dell’anno, ha perso ben 44 miliardi di dollari. Il crollo dei listini nella prima parte dell’anno ha penalizzato la maggior parte degli investitori.
Buffett, che compirà 92 anni il 30 agosto, non ha ancora dato alcuna indicazione di voler abbandonare il suo ruolo di amministratore delegato della Berkshire e di gestore del portafoglio anche se  la società ha già annunciato che Greg Abel, il 60enne vicepresidente di tutte le unità energetiche e non assicurative della Berkshire, prenderà il suo posto.

Warren Buffett: quanto ha perso Berkshire Hathaway

Come scrive la Cnn, Warren Buffett è come tutti noi, “schiacciato dal crollo del mercato azionario nella prima metà dell’anno”. Ma l’Oracolo di Omaha non si lascia scoraggiare dalla furia di Wall Street e la sua conglomerata multimiliardaria, la Berkshire Hathaway continua a comprare e molte delle diverse linee di business dell’azienda continuano a prosperare, anche in questo periodo di incertezza economica.

Proprio la Berkshire Hathaway ha reso noto pochi giorni fa che l’enorme conglomerato ha registrato una perdita netta di quasi 44 miliardi di dollari nel secondo trimestre, un rosso dovuto soprattutto a un forte calo del valore dell’importante portafoglio azionario di Berkshire.
La società infatti detiene partecipazioni importanti in Apple, Bank of America, Coca-Cola, Chevron e American Express. Questi cinque titoli rappresentano quasi il 70% del portafoglio. Chevron e Coca-Cola sono entrambe salite quest’anno, mentre i titoli tecnologici e finanziari sono stati i principali perdenti del mercato.

Ma non c’è solo la forte perdita di valore del portafoglio della Berkshire. L’azienda ha infatti registrato un utile operativo di 9,3 miliardi di dollari nel trimestre, con un aumento di quasi il 40% rispetto a un anno fa. Questo guadagno è dovuto in parte all’aumento dei tassi d’interesse che ha favorito le quote della sua colossale unità assicurativa. Sono aumentati anche gli utili delle attività di Berkshire nel settore ferroviario, dei servizi e dell’energia.
Tra gli altri Berkshire possiede Geico, Burlington Northern Santa Fe, PacifiCorp e MidAmerican Energy Company, oltre a grandi marchi di consumo come Fruit of the Loom, Duracell, Dairy Queen e una grossa partecipazione in Kraft Heinz. Le numerose attività della Berkshire hanno subito un forte rimbalzo dal rallentamento dell’economia indotto dal Covid nel 2020.

“Poiché la pandemia Covid-19 ha avuto un impatto negativo sulla maggior parte delle aziende, tra cui Berkshire, all’inizio del 2020, è utile confrontare i risultati attuali con quelli precedenti alla pandemia del 2019”, ha dichiarato in un rapporto Bill Stone, chief investment officer di Glenview Trust Company e azionista di Berkshire. “Gli utili operativi per il secondo trimestre del 2022 sono del 51% superiori a quelli del 2019”.

Molti investitori prestano molta attenzione alla Berkshire per vedere cosa pensano Buffett, il vicepresidente Charlie Munger e i principali luogotenenti di Berkshire per gli investimenti Ted Weschler e Todd Combs sul mercato azionario. A quanto pare, rimangono rialzisti.

Nel secondo trimestre Berkshire ha registrato acquisti netti di azioni per circa 3,8 miliardi di dollari. Questo si aggiunge agli oltre 40 miliardi di dollari di azioni acquistate da Berkshire nel primo trimestre.

L’azienda di Buffett ha anche riacquistato 1 miliardo di dollari di azioni proprie durante il trimestre, una mossa che contribuisce ad aumentare gli utili per azione. La Berkshire è stata aggressiva durante la flessione del mercato, acquisendo una quota consistente del gigante petrolifero Occidental Petroleum e annunciando all’inizio dell’anno un accordo da 11,6 miliardi di dollari per accaparrarsi l’assicuratore Alleghany.
Le azioni della società hanno resistito meglio del resto del mercato nel 2022. Le azioni super costose di classe A, che vengono scambiate a circa 445.000 dollari l’una perché non si dividono, sono in calo di circa il 2%. Lo stesso vale per le azioni di classe B, che costano un po’ meno di 300 dollari l’una e fanno parte dello S&P 500. Secondo Cathy Seifert, analista di CFRA Research, ha dichiarato in un rapporto successivo alla pubblicazione degli utili di vedere “risultati stabili nella maggior parte dei segmenti” per Berkshire.