Wall Street in rialzo, Nasdaq aggiorna i record storici

24 Aprile 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) -Wall Street chiude la seduta in rialzo con il Nasdaq che archivia il secondo giorno di fila da record (quello di ieri era stato il primo in 15 anni). L’S&P 500, che nel durante si era portato a un nuovo massimo intraday, è tornato sotto il record visto in chiusura lo scorso marzo. ll Dow Jones sale dello 0,10%, a quota 18.076. Il Nasdaq aggiunge lo 0,79%, a quota 5.096. L’S&P 500 aumenta dello 0,25%, a quota 2.118.

Dal fronte macroeconomico, gli ordini di beni durevoli sono saliti a marzo del 4% contro un consensus dello 0,6%. A sostenere i buy, sono i risultati di bilancio del calibro di Google e Amazon. In chiusura, il titolo Google segna un rally +3,3% circa, dopo aver comunicato che, nel corso del primo trimestre, i volumi pubblicitari hanno segnato un forte rialzo. Amazon +14% dopo aver riportato vendite al di sopra del consensus degli analisti. Microsoft +10% grazie al bilancio che ha battuto le attese.

Focus sulla performance del Nasdaq Composite Index, che nella giornata di ieri ha chiuso a un nuovo record, superando il massimo dell’era dot-com. “E’ molto positivo vedere che stavolta sono gli utili davvero solidi dei colossi hi-tech che sostengono il record del Nasdaq – ha commentato nel corso di un’intervista rilasciata a Bloomberg Manish Singh, responsabile investimenti presso Crossbridge Capital, a Londra – Non stiamo assistendo alla stessa euforia di 15 anni fa. Il rally dei titoli tecnologici sembra sostenibile in quanto queste società sono sul mercato da anni. Nel complesso, la stagione degli utili Usa non si sta rivelando tanto negativa”.

Delle società scambiate sullo S&P 500 che hanno comunicato finora i bilanci, il 76% ha battuto le stime sugli utili, mentre il 51% quelle sulle vendite. Tra altri titoli che hanno reagito con favore ai bilanci Starbucks e Juniper Networks oltere +4%.

LEGGI: Wall Street e Warren Buffett: il consiglio che vale per tutta la vita

Sul valutario euro fa +0,36% sul dollaro attestandosi a 1,0863, testando anche i massimi di due settimane (vedi grafico). Biglietto verde in calo -0,04% sullo yen a 119,53. Euro e divisa svizzera scambiano a 1,0350 franchi (+0,16%).

Tra le materie prime i futures sul greggio Usa ha ceduto oggi l’1%, 59 centesimi di dollari, a 57,15 dollari al barile. Nell’ottava il bilancio e’ pari a un +2,5%.I prezzi dell’oro lasciano sul campo lo 0,22% a $1.191,33 l’oncia.

I Treasury restano in rally con gli economisti che stanno riducendo le loro previsioni sulla crescita dell’economia americana nel primo trimestre. Il dato finale sul Pil dei primi tre mesi dell’anno in corso arriverà il 29 aprile: la media delle stime è per un +1,2% ma qualcuno si aspetta un +1%. Il decennale vede rendimenti – che si muovono inversamente ai prezzi – in calo all’1,261% dall’1,945% di ieri. Il titolo a tre mesi viaggia allo 0,0203%

(LnA-Mt)