WALL STREET: BENE LE BLUE CHIP, BUY SU ENERGIA

29 Giugno 2009, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di settimana positivo per i principali indici azionari americani. Supportati dalla forza del comparto energetico, il Dow Jones ha guadagnato l’1.08% a 8529, l’S&P500 lo 0.91% a 927, il Nasdaq e’ avanzato dello 0.32% a 1844. L’incremento delle quotazioni del petrolio ha funto da volano per le compagnie energetiche, ma a contribuire all’ottimismo generale sono state anche alcune speculazioni circa le migliori possibilita’ di recupero dell’economia grazie ai diminuiti timori di recessione.

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

In giornata non sono stati rilasciati dati macro di rilievo, ma nei prossimi giorni gli operatori potranno ottenere numerose ed importanti informazioni sullo stato di salute dell’economia americana. Fondamentale sara’ il rapporto sull’occupazione che verrà diffuso giovedì, in via straordinaria un giorno prima del consueto per via del weekend lungo dovuto alla festivita’ dell’Independence Day.

Quanto alla seduta giornaliera, sotto i riflettori l’intero comparto dell’energia. I futures sul petrolio hanno guadagnato $2.33 a $71.49 al barile spinti dalle notizie secondo cui un gruppo di militanti nigeriani avrebbe attaccato uno stabilimento petrolifero di Royal Dutch Shell. A spingere al rialzo i prezzi dell’oro nero sono state anche le nuove previsioni del governo Usa, che ha alzato le stime sulla domanda di greggio.

A sostegno dle comparto anche le operazioni di fusioni ed acquisizioni societarie, che hanno interessato Enterprise Products, Teppco Partners e Enterprise GP: le tre aziende hanno deciso di stringere un’allenza che portera’ alla formazione di un colosso energetico, che rappresenterà la maggiore rete di oleodotti del Paese, per un valore complessivo di oltre $26 miliardi.

A registrare le migliori performance all’interno del Dow Jones sono stati dunque le due componenti energetiche Chevron e Exxon Mobil, avanzate rispettivamente dell’1.30% e dell’1.7%. Molto bene anche le azioni del comparto hi-tech con Hewlett-Packard forte della revisione al rialzo delle stime sulle vendite di PC e Microsoft che ha beneficiato dei commenti favorevoli della banca tedesca Deutsche Bank. Nel settore retail, Buy su JC Penney dopo che Morgan Stanley ha consigliato di comprare i tioli della terza maggiore catena di vendite al dettaglio degli Stati uniti.

Tra le altre news societarie, ad occupare la scena e’ stato anche il verdetto finale relativo al piu’ grande scandalo finanziario mai architettato a Wall Street: il banchiere Bernard Madoff, autore dello schema Ponzi da $64 miliardi, e’ stato condannato a 150 anni di carcere.

Sul valutario l’euro ha esteso i rialzi nei confronti del dollaro. Nel tardo pomeriggio di lunedi’ a New York il cambio tra le due valute e’ di $1.4079. In lievissimo ribasso l’oro. I contratti con consegna agosto hanno ceduto $0.30 a $940.70 l’oncia. Salgono i Titoli di Stato. Il rendimento sui Treasury a 10 anni e’ sceso al 3.4920% dal 3.5060% di venerdi’.