Virtu Financial: il sacro Graal del trading punta alla Borsa

12 Marzo 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Virtu financial, società americana di trading elettronico ad alta velocità, si prepara a sbarcare in Borsa con un primato da far impallidire i big di Wall Street.

Se infatti Jp Morgan ha di recente comunicato di non aver mai riportato una giornata in perdita nel 2013, il gruppo fondato dall’italo-americano Vincent Viola, ha fatto meglio: la società ha avuto solo un giorno in perdita ma nell’arco degli ultimi quattro anni.

Lo scorso anno, la società, che ha da poco comprato la squadra di Hockey, Florida Panthers, ha riportato profitti netti per 184 milioni di dollari, poco più del doppio rispetto all’anno precedente (+108%). Con la quotazione, punta a raccogliere 100 milioni di dollari.

Virtu è solo delle società di trading elettronico ad alta velocità che opera sul mercato americano.

Si tratta in pratica di società che, tramite l’utilizzo di sofisticati strumenti software e hardware, mettono in atto negoziazioni ad alta frequenza, guidate da algoritmi matematici, che agiscono su mercati di azioni, opzioni, obbligazioni, strumenti derivati, commodities.

Di fatto queste società guadagnano sulla discrepanza tra i prezzi di acquisto e vendita, sfruttando le piccole variazioni di prezzo.