Usa: ordini di beni durevoli, forte calo -5,2%

27 Febbraio 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Nel mese di gennaio il dato relativo agli ordini dei beni durevoli degli Stati Uniti ha segnato un forte calo pari a -5,2%, facendo decisamente peggio del -3,5% atteso dagli analisti intervistati da Briefing.

Il dato precedente di dicembre è stato visto al ribasso a +3,7% dal +4,3% inizialmente reso noto. Escludendo la componente dei trasporti, il dato è salito però +1,9% rispetto a +0,2% stimato, rispetto a +1% del mese scorso.

L’incremento +1,9% è il pi+ sostenuto in poiù di un anno, stando ai dati resi noti dal dipartimento del Commercio americano. In particolare, sono stati solidi gli ordinativi per i macchinari, +13,5%, mentre piatta è stata la richiesta di automobili e le prenotazioni aventi per oggetto i computer sono scese.

Gli ordinativi per la componente core dei beni capitali – termometro chiave per valutare le prospettive di investimento delle aziende della Corporate America — sono balzati +6,3%, al tasso più alto in più di due anni.