Tutti i milioni di euro sprecati dai sindacati italiani

15 Febbraio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Spese per milioni di euro non controllate, incarichi di consulenze e contratti di ricerca «illegittimamente conferiti» e oneri di missione irregolarmente liquidati.

Sono alcuni punti di indagini che il procuratore regionale della Corte dei Conti del Lazio, Angelo Raffaele De Dominicis, ha delegato alla fine di gennaio alla polizia tributaria della Guardia di Finanza di Roma per far luce sull’attività del Cnel, il Consiglio nazionale economia e lavoro presieduto dall’ex ministro Antonio Marzano, che ha fra i consiglieri molti sindacalisti, fra cui Luigi Angeletti (Uil), Raffaele Bonanni (Cisl) e Susanna Camusso (Cgil), esperti nominati dal Quirinale e dalle categorie produttive.

Il procuratore De Dominicis, sottolineando la «particolare delicatezza» dell’istruttoria «che coinvolge un organo di rilevanza costituzionale», sollecita i finanzieri ad «accelerare al massimo gli accertamenti istruttori», evidenziando anche l’eventuale violazione di un articolo della legge antimafia.

Fra le verifiche da svolgere anche quella sul collegio dei revisori dei conti del Cnel, la cui composizione secondo il procuratore sarebbe irregolare. Nella delega ai finanzieri, De Dominicis sottolinea che i sindaci non avrebbero «mai formulato rilievi su aspetti della gestione amministrativa».

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da L’Espresso – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Copyright © L’Espresso. All rights reserved