Tumori: scoperto contagio fra diverse specie di molluschi

23 Giugno 2016, di Alberto Battaglia

Tumori trasmissibili fra diverse specie animali. E’ quanto osservato da un nuovo studio della rivista Nature che mostra come il fenomeno sia comune fra diversi tipi di molluschi che sono vulnerabili al contagio delle cellule cancerose. La pericolosità per l’uomo, per quanto il fenomeno possa sollevare questioni, è esclusa dal professor Stephen Goff, uno degli autori della ricerca: “E’ solo un problema se sei un mollusco. Non c’è nessuna prova che i tumori dei molluschi abbiano contagiato non molluschi”. I casi di trasmissione di tumori sembravano assai rari: l’anno scorso si era verificato, ad esempio, il contagio da una tenia (un verme parassitario) a un uomo malato di Aids, dotato quindi di un sistema immunitario assai indebolito.

Nel caso molluschi analizzati dai ricercatori del Columbia University Medical Centre il contagio dei tumori è assai frequente: fra cozze, vongole e altri molluschi bivalvi raccolti al largo delle coste di Canada e Spagna le cellule tumorali passano, di norma fra esemplari della stessa specie, mentre in un solo caso si è osservato il contagio da una specie all’altra. A mettere al riparo l’uomo da questo fenomeno è il suo sistema immunitario, in grado di attaccare qualsiasi tessuto estraneo.
“Dai nostri risultati emerge che il contagio da cellule cancerogene è un fenomeno diffuso nell’ambiente marino”, afferma l’articolo su Nature, “I casi di cancro contagioso sono più numerosi della malattia spontanea, almeno nelle specie studiate fino a questo momento”.
L’aspetto più interessante sul quale adesso di confronteranno i ricercatori saranno i processi genetici che permettono la trasmissione delle infezioni da una specie all’altra.