Deutsche Bank, mandato di comparizione in inchiesta su finanze Trump

16 Aprile 2019, di Livia Liberatore

Due commissioni del Congresso Usa hanno emesso un mandato di comparizione per Deutsche Bank nell’ambito delle inchieste sulle finanze del presidente Donald Trump. Le commissioni Intelligence e Financial Services hanno richiesto anche documenti di numerose altre istituzioni finanziarie, tra cui JPMorgan Chase, Bank of America e Citigroup, relative al possibile riciclaggio di denaro da parte di persone in Russia e nell’Europa orientale. Lo hanno rivelato al New York Times tre persone a conoscenza delle indagini.

“Il potenziale uso del sistema finanziario statunitense per scopi illeciti è una preoccupazione molto seria”, ha affermato in una nota la rappresentante Maxine Waters, presidente della commissione per i servizi finanziari. Gli avvisi di comparizione sono stati gli ultimi tentativi dei Democratici del Congresso di raccogliere informazioni sulle finanze del presidente Trump e della sua compagnia a conduzione familiare, la Trump Organization, e sono stati immediatamente condannati dal figlio di Trump, Eric.

Alan Garten, l’avvocato della Trump Organization, ha affermato che la società sta valutando le opzioni per impedire a Deutsche Bank di rispettare la citazione.

Il rapporto di lunga data di Deutsche Bank con Donald Trump è un elemento centrale dell’inchiesta della commissione congiunta. Negli ultimi due decenni, Deutsche Bank è stata l’unica grande banca intenzionata a fare affari con il signor Trump, che ha una lunga storia di insolvenze e fallimenti. La banca gli ha prestato ben oltre due miliardi di dollari e Trump aveva più di 300 milioni di dollari di prestiti in essere dalla Deutsche Bank al momento dell’entrata in carica, facendo della banca tedesca il maggior creditore del presidente.

Kerrie McHugh, una portavoce della Deutsche Bank, ha affermato che la società è “impegnata in un dialogo produttivo” con le commissioni. “Rimaniamo impegnati a fornire informazioni appropriate a tutte le indagini autorizzate in modo coerente con i nostri obblighi legali”, ha affermato.