Triboo, il cda coopta Cristina Mollis e propone piano di buy back

19 Giugno 2020, di Redazione Wall Street Italia

Novità per Triboo, gruppo attivo nel settore digitale, quotato sul mercato MTA di Borsa Italiana e che controlla questa testata online. Il cda della società ha cooptato Cristina Mollis quale consigliere, in sostituzione di Enrico Petocchi, dimessosi lo scorso 26 maggio.

Cristina Mollis, ex vice presidente di Value Team per quasi un decennio, si è occupata di analisi e valutazione di business, strategie digitali e di e-commerce con l’obiettivo di ridisegnare nuovi modelli di business per industrie appartenenti ai settori più svariati, tra i quali fashion, retail, finance e telecomunication. Successivamente ha fondatp NuvO’, società di consulenza che vede il digitale come leva per un ripensamento a 360 gradi del business delle aziende.
Nel 2015 Mollis porta NuvO’ nel gruppo H-FARM, al fine di costruire la business unit dedicata ai servizi di trasformazione delle aziende. Dopo aver quadruplicato il giro di affari dell’unità, esce da H-FARM nel giugno 2018.

“Siamo orgogliosi dell’ingresso di una personalità come quella di Cristina Mollis all’interno del consiglio di amministrazione dell’azienda che ho fondato 10 anni fa” – ha commentato Giulio Corno, amministratore delegato di Triboo. “La comprovata expertise in materia digitale e le illustri capacità di trasformazione del modello di business da parte della dott.ssa Mollis sono, per noi, una garanzia dell’importante contributo che tale figura apporterà a Triboo.”

Il consiglio di amministrazione ha poi deliberato di sottoporre all’assemblea degli azionisti, che sarà convocata dal presidente Riccardo Monti, la proposta di autorizzazione all’acquisto e alla disposizione di azioni proprie fino ad un ammontare massimo di n. 5.679.942 azioni ordinarie, senza valore nominale, pari al 20% delle azioni attualmente in circolazione. Alla data odierna, Triboo detiene azioni proprie per 241.608 azioni, pari al 0,841% del capitale sociale.

Infine il cda ha provveduto a nominare Vincenzo Polidoro quale membro del Comitato Nomine e Remunerazione e del Comitato Controllo e Rischi e Operazioni con Parti Correlate. Inoltre, il consigliere Ramona Corti è stata eletta Presidente del Comitato Controllo e Rischi e Operazioni con Parti Correlate.