Transizione digitale, PNRR fondamentale: il supporto di CM Advisor alle imprese italiane

24 Novembre 2022, di Luca Losito

Il digitale è sempre più al centro delle nostre vite e dei modelli di business. Il PNRR rappresenta un’occasione unica per accelerare la transizione tecnologica delle aziende italiane, che però spesso non hanno al loro interno tutte le competenze necessarie per convertire in qualcosa di pratico e concreto le loro iniziative. Il rischio è che i finanziamenti di Bruxelles siano utilizzati in modo poco efficiente. Proprio per questo può essere importante la presenza di un partner competente e preparato come CM Advisor, in grado di accompagnare le imprese nella strada che conduce all’accesso ai fondi stanziati dall’Unione Europea.

L’accelerata della digitalizzazione

Gli avvenimenti degli ultimi anni hanno fornito un’accelerata decisiva alla transizione digitale. Tante aziende si sono ritrovate a dover rivedere le proprie strategie aziendali alla luce di una rivoluzione storica che ha evidenziato una serie di benefici dettati dallo sviluppo e dalla rimodulazione di un mercato in continuo cambiamento. Le misure previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza consentono di perseguire una strada piena di potenzialità in grado di aprire nuovi orizzonti per le imprese italiane, con la possibilità di servirsi di misure trasversali in grado di incidere in maniera intensa, soprattutto per le pmi, aumentandone la competitività grazie alla capacità di investire in innovazione, sostenibilità e formazione.

Che cos’è il PNRR

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) è il documento che il governo italiano ha predisposto per illustrare alla Commissione europea come il nostro paese intende investire i fondi che arriveranno nell’ambito del programma Next generation EU. Il documento, redatto ad aprile 2021 e approvato da Bruxelles a luglio del 2021, descrive quali progetti l’Italia intende realizzare grazie ai fondi comunitari. Il piano delinea inoltre come tali risorse saranno gestite e presenta anche un calendario di riforme collegate finalizzate in parte all’attuazione del piano e in parte alla modernizzazione del paese. Il piano è stato realizzato seguendo le linee guida emanate dalla Commissione europea e si articola su tre assi principali: digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica e inclusione sociale.

L’occasione europea del PNRR

Il ventaglio di proposte messe a disposizione delle aziende attraverso gli strumenti e i fondi del PNRR, rappresenta un’occasione unica per le imprese attive in molteplici comparti. Le stime sull’impatto del PNRR ipotizzate dal governo sono significative e si riferiscono alle principali variabili macroeconomiche, all’inclusione sociale, allo sviluppo sostenibile e all’equità. Digitalizzazione, innovazione e competitività delle pmi rivestono una funzione essenziale e sono dichiarate obiettivi del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza, che mira a sostenere il sistema produttivo nazionale anche attraverso il rafforzamento del livello di digitalizzazione, l’innovazione tecnologica e l’internazionalizzazione. Il tema della transizione digitale assorbe circa il 27% delle risorse del PNRR e abbraccia differenti missioni del Piano. CM Advisor lavora al fianco di istituzioni, aziende e professionisti grazie a un team di assoluta competenza, che aiuta i clienti a raggiungere gli obiettivi prefissati. Le conoscenze e il livello di competenze acquisite nel settore consentono a CM Advisor di avere una distinta comprensione delle tendenze emergenti e dei cambiamenti dei diversi settori in cui opera e, inoltre, di offrire una consulenza preventiva gratuita per lo scouting preliminare delle opportunità a disposizione delle aziende.

Il commento del ceo di CM Advisor

“Oggi grazie ai fondi PNRR e Next generation EU ci sono ottime opportunità per l’innovazione, la ricerca, il digitale e l’internazionalizzazione, per le quali stiamo riscontrando una forte necessità soprattutto per le pmi. Tali fondi devono rappresentare una leva ma anche un’opportunità di crescita delle aziende anche e soprattutto sui mercati esteri. Questo processo di crescita oggi più che mai è facilitato anche grazie alla comunicazione digital avvicinando le aziende ai player B2B. Un’accurata strategia di digital marketing consente di raggiungere interessanti obiettivi in poco tempo”, spiega Rosario Corrado Mancino, ceo di CM Advisor.

Un advisor qualificato e certificato

I risultati maturati nell’ultimo anno consentono a CM Advisor di ritagliarsi un ruolo importante nel settore della consulenza alle imprese, che sono supportate da un orientamento qualificato per la ricerca delle opportunità e l’accesso alle diverse misure a disposizione. CM Advisor è partner di Sace Simest e Promos Italia, membro di ICC (Camera di commercio internazionale), NIAF National Italian American Foundation, IAB Italia Interactive Advertising Bureau, Confindustria Sa, Aice Associazione Italiana commercio estero, IWA International internet association, Itkam Camera di Commercio italiana in Germania e altri operatori. La società di consulenza e comunicazione, inoltre, ha maturato esperienza anche in materia di finanziamenti a fondo perduto dei bandi emessi dal Ministero dell’Economia, Ministero Sviluppo Economico, Ministero dell’Agricoltura, Ministero Turismo, Ministero Affari Esteri, Invitalia, Cassa Depositi e Prestiti, Sace Simest, Regioni e Camere di Commercio, oltre alle opportunità offerte da fondi d’investimento, investitori italiani ed internazionali.