Tod’s: dopo Ferragni in cda sale al 10% la quota dei francesi di Lvmh

23 Aprile 2021, di Mariangela Tessa

Ancora novità in casa Tod’s. Dopo l’ingresso di Chiara Ferragni nel cda del gruppo, LVMH aumenta la sua posizione nel gruppo, portando la sua partecipazione al 10%. È il risultato del contratto sottoscritto tra Diego Della Valle & C, società controllata da Diego Della Valle, e Delphine, società interamente detenuta da LVMH, che prevede la vendita di 2.250.000 azioni di Tod’s, pari al 6,80% del capitale sociale a 33,1 euro ad azione, pari al prezzo medio ponderato per il volume di azioni Tod’s dei quindici giorni di negoziazione precedenti la data di sottoscrizione.

La quota va ad ad aggiungersi al 3,2% già nelle mani del gruppo del lusso francese.

“LVMH accresce fino al 10% la quota già posseduta in Tod’s” spiega una nota, in cui si sottolinea che “si consolida con questa operazione la ventennale amicizia tra la Famiglia Arnault e la famiglia Della Valle”.

Tod’s: quota Diego della Valle al 63,64%

A seguito del completamento dell’operazione, che sarà seguita il prossimo 28 aprile, Diego Della Valle deterrà, direttamente e indirettamente, una partecipazione pari al 63,64% del capitale sociale di Tod’s e LVMH deterrà una partecipazione pari al 10,00%”.

“L’amicizia con Diego Della Valle e la sua famiglia risale ad oltre 20 anni fa. E’ un legame forte, cementato da valori umani e professionali comuni. Siamo molto contenti di rafforzare ancora di più questa partnership”, commenta Bernard Arnault.

E Diego Della Valle dice: “”Sono molto contento, con questa operazione, di consolidare un’amicizia che lega me e la mia famiglia a Bernard ed alla sua famiglia da oltre 20 anni. La condivisione dei valori del lusso, della qualità e della desiderabilità dei prodotti potrà essere un ottimo motivo per pensare ad eventuali opportunità da cogliere insieme nel futuro”.

Tod’s: cresce attesa per trimestrale

L’annuncio arriva a due settimane esatte dall’annuncio dell’ingresso dell’imprenditrice digitale Chiara Ferragni nel cda della società italiana. Una nomina che ha fatto lievitare le quotazioni del titolo, consentendo di recuperare le perdite di circa un anno.

Ora i fari del mercato sono puntati al 12 maggio, giorno in cui il gruppo Tod’s renderà noti i dati del primo trimestre. Gli analisti stimano un incremento del 7% dei ricavi a 163,7 milioni di euro grazie trainato dalla Cina e dall’e-commerce.