TITOLI DEL GIORNO 220405

22 Aprile 2005, di Redazione Wall Street Italia

AZIONI ITALIA
MIB30 (PC 31.419)
Seduta positiva per il Mib30 che chiude a 31.225 (+ 0,45 %), dopo aver toccato un minimo a 30.926.

L’indice, dopo la pesante discesa dell’ultima settimana e la fase di debolezza fra 31.000 e 31.350, riesce a superare in gap up 31.350 nella seduta odierna fornendo un segnale di risalita con obiettivo 32.000.
Al di sopra di quest’ultimo livello si allontanerebbe il rischio di nuove discese che potrebbero portare l’indice al di sotto dell’area di supporto dinamico in area 30.500/700, consentendo la continuazione della salita verso 32.700.

Solo con il superamento della resistenza a 32.700/900, si potrà avere un nuovo segnale positivo sull’indice.

Debolezza sotto 30.500/700, con discesa a testare la forte area di supporto a 29.700/30.000, dove è attesa una reazione tecnica.

Per l’infraday: si rimanda all’analisi sul S&PMIB Future disponibile all’indirizzo https://www.sella.it/gbs/trading/analisi/analisi_tecnica/analisi_gratuite.jsp

Per segnali operativi di trading veloce è disponibile il servizio SELLA ADVICE TRADING Segnali Titoli Italia Fast all’indirizzo:
www.sella.it/gbs/trading/analisi/advice_trading/advice_trading.jsp

Oggi parliamo di:
Telecom Italia
San Paolo Imi
Fastweb
Eni
Mediaset
Stm
Ras
Oggi su Sella Advice Trading / Segnali Titoli Italia (fast) strategie su:

TELECOM ITALIA (PC 2.6650)
*** dividendo di EURO 0.1093 staccato il 18.04.05.

Dopo i massimi registrati nella seduta del 21 gennaio (massimo registrato a 3.19), il titolo ha cominciato un movimento discendente tuttora in atto.
Nelle ultime sedute le quotazioni stazionano appena sopra l’area di supporto 2.600/630 (min. 2.600), il cui cedimento darebbe ulteriore spazio a discese verso 2.320/350 dove dovrebbero ritornare gli acquisti.
Eventuali rimbalzi tecnici scatterebbero al di sopra di 2.700, con obiettivo 2.780 e possibili estensioni a testare 2.830-2.850, dove sono nuovamente attesi ordini di vendita.

Per l’infraday: il superamento di 2.660 ha consentito un aumento della forza per il titolo che in caso di correzioni non dovrebbe portarsi al di sotto di 2.650 e appare probabile una salita a testare la resistenza statica a 2.700. Possibili accelerazioni nella salita al di sopra di quest’ultimo livello verso 2.750-2.760. Sotto 2.650 discesa a testare 2.630.

SAN PAOLO IMI (PC 11.82)
Il titolo è inserito in un canale rialzista da agosto’04 che ha portato le quotazioni al test delle resistenza statica a 13.00 (max. 12.80) a inizio aprile’05.
La recente, pesante, discesa trova una buona base di supporto in area 11.30-11.60, da cui le quotazioni potrebbero ripartire verso 12.30-12.50.
La violazione di 11.30 determinerebbe una discesa più estesa con obiettivo la buona base di supporto in area 10.30/40.
Sotto 10.30, poco probabile, sono possibili ripiegamenti dei prezzi verso 9.75/90, dove si dovrebbe avviare un movimento di consolidamento compreso fra 9.75/90 e 10.60/75.

Per l’infraday: il superamento di 11.85 dovrebbe consentire una salita con obiettivo 12.00/05 e quindi 12.20. Eventuali correzioni trovano una buona area di supporto a 11.75-11.80, solo al di sotto dei quali si riproporrebbe l’area 11.68-11.70.

FASTWEB (PC 36.60)
Negli ultimi mesi il titolo sta effettuando un movimento debole/laterale compreso fra il forte supporto statico a quota 33.00 e quota 42.00, livelli intermedi 35.00 e 40.00.
Per le prossime sedute, finché le quotazioni stazionano al di sotto di 38.00 il tono permane debole, con buone probabilità di effettuare un nuovo test di quota 33.00.
La violazione di tale livello fornirebbe poi un segnale molto negativo, per un ulteriore ribasso verso area 27.30/50.
Solo un ritorno sopra 38.80 allontanerebbe l’ipotesi di discesa, riproponendo la resistenza statica a quota 40.00 e quindi quota 42.00.

Per l’infraday: le quotazioni stazionano appena al di sotto di 36.70 il superamento del quale consentirebbe uno spunto rialzista con obiettivi 37.00, 37.50/70, dove dovrebbero tornare le vendite. Il tono peggiorerebbe al di sotto di 36.40, avviando una discesa verso 36.00/15. Negativo un ritorno sotto 36.00.

ENI (PC 19.61)
Il titolo è inserito in un movimento rialzista di fondo da novembre 2003 e il superamento della resistenza a 19.00 nel febbraio scorso ha determinato un ulteriore impulso rialzista, proiettando i prezzi verso nuovi massimi (20.64 del 7 marzo 2005).
Recentemente si è invece verificata una rapida discesa verso il supporto statico creatosi a quota 19.00/20.
La tenuta di quest’ultimo livello appare essenziale per consentire un consolidamento e una risalita verso 21.00, livello oltre il quale si aprirebbero spazi per il test di 22.50.
Un più forte segnale di debolezza si avrebbe invece al di sotto di 18.10, poco probabile, con possibili discese verso l’importante area di supporto a 17.50/70.
La violazione di 17.50 determinerebbe poi la fine del movimento rialzista in essere da novembre 2003, cui potrebbe seguire un movimento laterale fra 16.20/50 e 18.00/50.

Per l’infraday: la tenuta di 19.53/54 dovrebbe consentire una risalita verso 19.65/67. Debolezza sotto 19.50, con discesa verso 19.35.

MEDIASET (PC 10.30)
Da metà settembre 2004 a inizio gennaio 2005 il titolo ha effettuato un movimento laterale fra 8.70/90 e 9.50/70. Nelle ultime settimane si è portato con forza al di sopra di 9.70, avviando un movimento rialzista che ha sostanzialmente raggiunto il primo obiettivo posto a 10.70.
Nelle ultime sedute si è poi verificata una rapida discesa verso l’area di supporto a 9.50/70, dove è in atto un tentativo di rimbalzo tecnico verso 10.50/70.
Il quadro tecnico appare indebolito e sarà necessario un periodo di consolidamento al di sopra di 9.50/70 per creare le premesse a nuovi spunti rialzisti verso i massimi testati a marzo scorso.

Per l’infraday: probabile consolidamento sopra 10.25/27 prima di nuove risalite con obiettivo 10.40/42 L’eventuale ritorno sotto 10.25 avvierebbe una correzione verso 10.15/17.

STM (PC 12.09)
Dopo il rally di ottobre-novembre 2004, che ha portato le quotazioni in prossimità della resistenza a 16.50, è tornata la debolezza sul titolo, che ha testato e violato il supporto a 13.70/80 e quindi quello a 12.70.
Da alcune settimane è in atto un tentativo di consolidamento, ma le pressioni al ribasso si attenuerebbero solo in caso di ritorno al di sopra di 13.70 e con il superamento di 14.25. Un primo tentativo di stabilizzazione si avrebbe al di sopra di 14.80, che aprirebbe la strada per il test di 15.30 e 15.70.
Il quadro al momento appare ancora debole, e una violazione di 11.50/60 condurrebbe al test di 10.90/11.00.

Per l’infraday: probabile consolidamento sopra 12.00/02 prima di nuove risalite verso 12.20/25. La violazione di 12.00 avvierebbe una correzione verso 11.88/90.

RAS (PC 16.87)
Dopo un minimo a 9.81 registrato nel marzo 2003 il titolo si è mosso in un canale rialzista che ha portato i valori delle quotazioni a testare i massimi del novembre 2000.
Nelle prossime settimane è possibile un ampio movimento laterale (14% circa di ampiezza) tra 15.70/16.00 e 17.90/18.10.
La rottura della resistenza posta a 18.00/18.10 originerebbe un’ulteriore spinta rialzista con obiettivi in area 19.50/20.50.
Un ritorno sotto 15.50, improbabile, darebbe luogo a ulteriori pressioni ribassiste con primo obiettivo l’area 14.00/13.50.

Per l’infraday: la tenuta di 16.83/84 dovrebbe consentire una risalita a 17.00 e 17.05/07. Debolezza sotto 16.80, con discesa verso 16.70 e 16.62/63.

LEGENDA

Brevissimo periodo: 1-2 giorni
Breve periodo: 2-10 giorni.
Medio periodo: 10-30 giorni.
Lungo periodo: oltre i 30 giorni.
PC: prezzo corrente, ovvero prezzo di mercato al momento dell’analisi.
momentum: indica la velocità/accelerazione del mercato “pesata” per i volumi.
mm: media mobile.

NB: Il presente report dev’essere inteso come fonte di informazione e non può, in nessun caso, essere considerato un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di strumenti finanziari. Le informazioni contenute in questo studio sono frutto di notizie e opinioni che possono essere modificate in qualsiasi momento senza preavviso.

Ai sensi dell’art. 69, comma 1, punto c, del Regolamento Emittenti della Consob, Banca Sella segnala che potrebbe avere un proprio specifico interesse riguardo agli emittenti, agli strumenti finanziari o alle operazioni oggetto di analisi.