Svolta green per il fisco: allo studio del Mef tre nuove tasse ecologiche

27 Agosto 2019, di Alessandra Caparello

Biglietti aerei, veicoli inquinanti e plastica nel mirino del Mef. La svolta green si sta finalmente concretizzando, almeno nelle intenzioni.  I tecnici del ministero dell’economia guidato da Giovanni Tria stanno valutando l’introduzione di nuove tasse ecologiche sull’esempio dei colleghi europei, come riporta a ItaliaOggi Massimo Garavaglia, viceministro dell’economia del dimissionario governo.

Sono tre le ipotesi allo studio di quelle che si stanno definendo come tasse ecologiche. La prima è quella, come già fatto in Germania, per cui si è quantificato anche un gettito da 600 mln di euro sui biglietti aerei.

Quindi – spiega il quotidiano – i biglietti, laddove la misura sia approvata, subiranno un rincaro, parametrato alla tratta di 8 euro in più per quelle nazionali, 25 euro fino a 6.000 km e 45 euro oltre i 6.000 km. Nel mirino anche le auto inquinanti con un superbollo per i veicoli più vecchi e gli imballaggi in plastica.

Si penalizza chi non ha risorse per cambiare l’auto prevedendo un superbollo dagli euro 3 in giù (…) Siccome si vuole un mondo plastic free allora le confezioni di plastica alimentari sconteranno una aliquota Iva ordinaria (…) se compra l’insalata in busta di plastica al supermercato il suo prezzo sarà parametrato con Iva al massimo e non come oggi con l’Iva degli alimenti.