Panda Bond: un successo la prima emissione targata Cdp

1 Agosto 2019, di Mariangela Tessa

Cassa depositi e prestiti ha concluso ieri con successo la sua prima emissione obbligazionaria destinata a investitori istituzionali attivi nel China Interbank Bond Market i cosiddetti Panda Bond, del valore nominale pari a 1 miliardo di Renminbi (equivalenti a circa 130 milioni di euro), a tasso fisso, non subordinata e non assistita da garanzie.

L’emissione, che è parte del piano di emissioni ‘2019 Renminbi Bonds di Cassa depositi e prestiti’ dell’ammontare massimo di 5 miliardi di Renminbi autorizzato dalla People’s Bank of China, ha una durata di 3 anni (scadenza agosto 2022), prevede una cedola annuale del 4,50% e ha un prezzo di 100%

L’emissione – riferisce una nota – ha registrato ordini superiori all’ammontare offerto consentendo così di fissare la cedola nella parte bassa del range comunicato al mercato. I titoli hanno un rating on-shore pari a AAA, assegnato dall’agenzia cinese China Chengxin International Credit Rating Co. e uguale al rating di Cdp.

Bank of China ha agito quale Lead Underwriter e Lead Bookrunner dell’operazione, mentre China Development Bank, Goldman Sachs Gao Hua Securities Company Limited, HSBC Bank (China), ICBC e JPMorgan Chase Bank (China) hanno agito in qualità di Joint Lead Underwriters e Joint Bookrunners

Le risorse finanziarie derivanti dall’emissione verranno utilizzate per finanziare – sia direttamente sia attraverso succursali cinesi di banche italiane o attraverso banche cinesi – succursali o controllate di società italiane costituite in Cina, per supportarne la crescita.