Rivoluzione Apple: creare iPhone che ‘pensino’ come gli esseri umani

9 Settembre 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – La prossima sfida di Apple? Portare l’intelligenza artificiale negli iPhone con l’obiettivo di creare un dispositivo in grado di prevedere e anticipare quello che gli stessi utenti desiderano. Creare, insomma, nuovi iPhone che abbiano la capacità di pensare come gli esseri umani. Per questo, Apple sta puntando a rafforzare il suo team di intelligenza artificiale.

La società di Cupertino ha già inserito alcune caratteristiche rivoluzionarie in iOS 9, il sistema operativo dell’iPhone 6S; ma, almeno finora, le iniziative sono ancora a uno stadio embrionale, sebbene significativo (lo smartphone potrà per esempio suggerire all’utente le APP più utili o più adatte ai loro gusti).

Altre trasformazioni importanti riguarderanno Siri, l’ironica assistente personale digitale presente sia negli iPhone che negli iPad, che con il tempo diventerà sempre più autonoma. Tanto che, stando a Mark Gurman di 9to5, a essere svelata stasera, in occasione del grande evento di Apple, potrà essere la funzione “Hey Siri”. Secondo Gurman, è possibile che il colosso annunci ai suoi clienti che, grazie ai loro iPhone 6, potranno attivare Siti semplicemente con la loro voce, dicendo: “Hey Siri” in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo si trovino, il che riporta alla mente l’efficienza di alcuni ben noti assistenti digitali visti finora soltanto nei film, come in “The Moon”, dove Sam Rockwell è assistito da “Gerty”.

Nei precedenti modelli di iPhone, affinché la funzione venisse attivata, lo smartphone doveva essere collegato a una fonte di energia elettrica. Gurman ritiene inoltre che, più che essere un aggiornamento del software, la nuova Siri sarà parte integrante degli iPhone 6, il che lascia pensare che si tratterà più che altro di un aggiornamento dell’hardware.

Ma questo sarebbe solo il primo passo di quella che si preannuncia come una vera rivoluzione in termini di tecnologia.

A conferma dei nuovi progetti del gruppo, l’agenzia Reuters ha rivelato che la società è al momento alla ricerca di almeno 86 nuovi ingegneri da impiegare nel settore dell’apprendimento automatico, cercando di attirare all’interno del team anche esperti che sono attualmente dipendenti di colossi del calibro di Google, Amazon e Facebook.

I propositi di Apple sull’intelligenza artificiale, sempre secondo Reuters, avrebbero però incontrato qualche ostacolo, in particolare in relazione alla ferrea politica dell’azienda sulla protezione della privacy dell’utente.

Google’s Now, per esempio, presenta molti più servizi rispetto a Siri, in quanto esamina dati personali sia accedendo alle email che ai calendari degli utenti.

Altre novità che secondo il sito di Gurman saranno presentate stasera saranno.

1) l’Apple TV funzionerà in base a un nuovo sistema operativo ioS 9, che si chiama “tvOS”, così come i sistemi operativi di Apple Watch e iPhone/iPad/iPod sono stati battezzati rispettivamente “watchOS” e “iOS”. Il sistema operativo della Apple TV dovrebbe essere basato sull’interfaccia dell’attuale Apple TV OS, e includere nuovi elementi di interfaccia iOS 9/El Captain.

2) l’iPad Pro sarà lanciato inizialmente con una capacità di 32GB, che è il doppio rispetto alle configurazioni attuali dell’iPad Air e dell’iPad Mini, con capacità di 16GB, e per un valore di $799. Apple venderà anche i modelli 64GB e 128GB rispettivamente per $899 e $999.

3) L’introduzione del nuovo colore Rose Gold, il video recoring di 4K, la macchina fotografia con 12 megapixel, lo schermo Touch 3D basato sulla tecnologia Force Touch, il chip più veloce A9 e anche un sistema di wireless più efficiente.

(mt-Lna)