Rc auto: peggiora la classe di merito per 700mila italiani

4 Gennaio 2021, di Alessandra Caparello

Brutta notizia per circa 700.000 automobilisti italiani che, secondo l’osservatorio Rc auto di Facile.it, a causa di un sinistro con colpa dichiarato nel 2020, dovranno fare i conti con un peggioramento della propria classe di merito e, di conseguenza, vedranno aumentare il costo dell’RC auto.

Buone notizie, invece, per gli automobilisti virtuosi visto che a dicembre 2020 per assicurare un veicolo occorrevano, in media, 471,65 euro, vale a dire il 12,03% in meno rispetto allo stesso mese del 2019.

Rc auto: ecco chi vedrà peggiorare la classe di merito

Chi sono gli automobilisti che vedranno scattare gli aumenti? In primis uomini – la percentuale di chi ha dichiarato un sinistro con colpa è pari al 2,06% –  di circa 48 anni.
L’analisi del campione in base all’occupazione professionale dell’assicurato evidenzia come i pensionati siano risultati essere la categoria che, in percentuale, ha dichiarato con più frequenza un sinistro con colpa (2,87%) che farà scattare un aumento dell’RC auto. Seguono gli artigiani (2,34%), gli agenti di commercio (2,32%) e i liberi professionisti (2,25%).

Stretto il legame tra sinistri e chilometri percorsi: dall’analisi emerge che il chilometraggio medio di chi ha dichiarato un sinistro con colpa è superiore del 4,5% rispetto a quello di chi non ha causato incidenti.
Unica eccezione, i pensionati, che nonostante una percorrenza media piuttosto bassa, sono risultati essere coloro che, in percentuale, hanno dichiarato più sinistri con colpa.

Se a livello nazionale la percentuale di chi vedrà peggiorare la propria classe di merito è pari al 2,21%, guardando al campione su base regionale emergono differenze significative. In merito al maggior numero di denunce di sinistri con colpa, al primo posto c’è la Liguria (3,17%), seguita dall’Umbria, dove la percentuale è pari al 2,82%, seguita dalla Toscana (2,66%) e dalle Marche (2,53%).
Infine la regione dove in percentuale sono stati denunciati alle assicurazioni meno sinistri con colpa è la Basilicata (1,33%), seguita a poca distanza dalla Calabria (1,38%) e Trentino-Alto Adige (1,74%).