QI basso? Allora sei di destra

13 Febbraio 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Chi da piccolo presenta un basso quoziente intellettivo (QI) ha con il tempo maggiore possibilità di sviluppare tendenze razziste, conservatrici e pregiudizi. Sono i risultati di una ricerca della Brock University nell’Ontario, pubblicati su Psychological Science. Uno studio che sicuramente farà discutere.

“Quello che è emerso è un ciclo vizioso, in cui le persone con basso QI vivono intorno a ideologie conservatrici, che formano resistenze al cambiamento, e dunque pregiudizi”, ha spiegato al LiveScience il professor Gordon Hodson, autore responsabile dello studio.

Perché persone meno intelligenti dovrebbero mostrare tendenze conservatrici? Perché presenterebbero delle strutture e degli ordini più facili da capire rispetto alla complessità che ci circonda, continua Hodson. “Sfortunatamente queste caratteristiche contribuiscono a sviluppare pregiudizi”.

Cosa ne pensate? Veramente i conservatori tendono ad avere un quoziente intellettivo più basso e veramente si diventa di destra per mancanza di intelligenza e odio della complessita’? Oppure al di la’ di questo che sembra il problema dell’uovo e della gallina rivisitato, si tratta semplicemente di una opinione politica faziosia contro chi ha idee e tendenze di vita e psicologiche non allineate con certa sinistra, il tutto mascherato con la causa e le ragioni della scienza?