Promotori finanziari in pensione, robot gestiranno i risparmi

20 Maggio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Il futuro del risparmio è sempre più digital. Si parla infatti sempre più spesso di Robo-advisor, ovvero software che costruiscono e gestiscono portafogli finanziari personalizzati, al pari del tradizionale consulente finanziario. Un fenomeno in grande espansione soprattutto negli Stati Uniti, dove alcune delle società che sono entrate in questo settore come start up e in pochi anni hanno raggiunto nel mercato del private equity valutazioni da capogiro.

Tanto che alcuni parlano già di bolla pronta ad esplodere. Un’ipotesi esclusa da Stephane Dubois, ceo e fondatore di XIgnite, società leader nella Silicon Valley nella fornitura di dati di mercato, che in un’intervista a SoldiExpert SCF , ha detto: “Queste aziende hanno delle valutazioni elevate ma il mercato è molto grande ci sono molti asset e hanno un business model molto solido quindi queste valutazioni hanno un senso. Penso che ci saranno delle fluttuazioni prima che possano migliorare ancora ma non credo che ci sarà mai un crash”

Stephane ha confermato che queste aziende attualmente “collezionano grosse perdite e stanno in piedi sono finanziate però da venture capitalist che hanno grande disponibilità di capitali”.

Ma le cose dovrebbero cambiare in futuro, visto il crescente interesse nei confronti del settore soprattutto da parte di coloro che hanno patrimoni medi, comprese cioè fra 250.000 e 500.000 euro. “Ciò che i RoboAdvisor stanno facendo, penso possa essere quello di avvantaggiarsi di un evoluzione nelle mentalità. L’investimento è sempre stata una cosa dove agivi per te stesso o avevi un advisor, ed era una persona. Ciò che loro stanno facendo è provare realmente ad automatizzare il processo utilizzando un modello semplice e tu stesso fai questo in Italia”.

Guardando al futuro, Dubois crede che “i Digital Wealth Manager stiano entrando e stiano creando un nuovo settore: continueranno ad esserci tutti i vecchi servizi e consulenti ma questo è un nuovo segmento che raggiungerà la piena maturazione nei prossimi anni”. (MT)