Prezzi dei farmaci gonfiati: soffiato un miliardo allo stato italiano

28 Luglio 2011, di Redazione Wall Street Italia

Firenze – Le Fiamme gialle oggi hanno perquisito la Bristol Myers Squibb Italia su disposizione della procura di Firenze, che ritiene che la multinazionale, assieme alla Menarini, avrebbe messo in atto una truffa da oltre un miliardo di euro ai danni del Servizio sanitario nazionale gonfiando i prezzi dei farmaci. E’ quanto riferiscono fonti investigative.

Secondo i magistrati fiorentini, i due gruppi del settore farmaceutico avrebbero messo in vendita farmaci a prezzi “notevolmente gonfiati” ottenendo rimborsi indebiti dal Servizio sanitario nazionale, a cui avrebbero causato un danno superiore a un miliardo di euro.

L’ufficio stampa della Bristol Myers Squibb Italia ha confermato a Reuters che stamani ha avuto luogo una perquisizione presso la sua sede romana, e ha aggiunto che l’azienda garantisce la massima collaborazione agli inquirenti.

Nessun commento, invece, da Menarini.

La scorsa settimana la Corte di Cassazione ha annullato il provvedimento con cui il 22 ottobre scorso il Tribunale del riesame di Firenze aveva rigettato la richiesta di revoca del maxi sequestro da 1,2 miliardi di euro sul patrimonio di Alberto Aleotti, presidente del gruppo Menarini, nell’ambito dell’inchiesta sulla casa farmaceutica per riciclaggio ed evasione fiscale.