Inflazione ai massimi: le tre azioni da avere per Warren Buffett (Podcast)

17 Gennaio 2022, di Redazione Wall Street Italia

L’inflazione continua a salire a un ritmo che non vedevamo da decenni e anche i guru degli investimenti come Warren Buffett sono al lavoro per capire come schivare gli effetti negativi.
A dicembre, l’inflazione Usa, misurata dall’indice dei prezzi al consumo, è salita ulteriormente, al tasso anno del 7%, rispetto al +6,8% di novembre, e al record dal febbraio del 1982. Il trend è stato in linea con le attese.

Una fiammata che ha ripercussioni sulla vita di tutti. Specie per chi sta risparmiando, l’aumento dell’inflazione significa serie conseguenze per i propri denari.

In un momento costì delicato, per chi investe, può risultare molto utile seguire le indicazioni di chi di affari se ne intende. Parliamo di Warren Buffett, il miliardario ultraottantenne, anche conosciuto come l’oracolo di Ohama.

Quali sono le migliori azioni da possedere quando l’inflazione infiamma?

La leggenda degli investimenti Warren Buffett ha molti consigli su cosa possedere quando l’inflazione aumenta.
In una lettera del 1981 agli azionisti, Buffett ha evidenziato due caratteristiche che aiutano le aziende a prosperare in mezzo a un’inflazione elevata: la capacità di aumentare i prezzi facilmente e la capacità di assumere più affari senza dover spendere troppo.

Ecco le tre partecipazioni di Berkshire Hathaway, la conglomerata fondata da Buffett che meglio si adattano al Buffett pensiero.

American Express

L’American Express ha dimostrato il suo potere di determinazione dei prezzi recentemente, quando ha aumentato la tassa annuale della sua carta Platinum da 550 dollari a 695 dollari. L’azienda si trova a beneficiare direttamente in prima persona di un ambiente inflazionistico particolare come quello che stiamo vivendo.

American Express fa la maggior parte dei suoi soldi attraverso le commissioni di sconto – ai trader viene addebitata una percentuale su ogni transazione con la carta Amex. Quando il prezzo dei beni e dei servizi aumenta, l’azienda ottiene una parte delle fatture più grandi. Il business è in piena espansione, dato che le entrate della società sono saltate del 25% su base annua a 10,9 miliardi di dollari nel terzo trimestre.

American Express è la terza più grande partecipazione di Berkshire Hathaway, solo dietro Apple e Bank of America. Possedendo 151,6 milioni di azioni in AE, la partecipazione di Berkshire vale oltre 24 miliardi di dollari. Berkshire possiede anche azioni dei concorrenti di American Express, Visa e Mastercard, anche se le posizioni sono molto più piccole e attualmente le azioni American Express offrono attualmente un rendimento da dividendo dell’1%.

Coca-Cola

La Coca-Cola è un classico esempio di un business cosiddetto “resistente alla recessione”. Che l’economia sia in crescita o in difficoltà, una semplice lattina di Coca-Cola è ancora accessibile alla maggior parte delle persone.

La posizione di mercato radicata dell’azienda le dà anche un certo potere sui prezzi. Inoltre, la Coca-Cola può sempre contare su un trucco che ha usato in passato: mantenere gli stessi prezzi ma ridurre sottilmente le dimensioni della bottiglia. I suoi punti di forza derivano dal suo portafoglio di marchi iconici e dal fatto che i suoi prodotti sono venduti in più di 200 paesi e territori.

Dopo tutto, l’azienda è stata quotata in borsa più di 100 anni fa ed è sopravvissuta – e ha prosperato – in molti periodi di alta inflazione. Buffett ha tenuto la Coca-Cola nel suo portafoglio dalla fine degli anni ’80 e oggi, Berkshire possiede 400 milioni di azioni della società, per un valore di circa 23,1 miliardi di dollari. Ai prezzi attuali, è possibile ottenere un rendimento da dividendo del 2,8% sulle azioni della Coca-Cola.

Apple

Chi spende 1600 dollari per un iPhone 13 Pro Max di design non parla certo di furto, visto che i consumatori amano spendere cifre esose per i prodotti Apple. All’inizio di quest’anno, il management del colosso di Cupertino ha rivelato che la base attiva di hardware dell’azienda ha superato 1,65 miliardi di dispositivi, tra cui oltre 1 miliardo di iPhone.

I concorrenti offrono dispositivi più economici, ma molti consumatori non vogliono prodotti al di fuori dell’ecosistema Apple. Ciò significa che, quando l’inflazione sale, Apple può trasferire i costi più alti alla sua base globale di consumatori senza preoccuparsi di un calo del volume delle vendite.

Oggi, Apple è la più grande partecipazione quotata di Buffett, rappresentando più del 40% del portafoglio di Berkshire per valore di mercato.

Una delle ragioni dietro questa concentrazione è l’aumento del prezzo delle azioni del gigante tecnologico. Negli ultimi cinque anni, le azioni Apple sono aumentate di oltre il 500% e oggi, offre un rendimento da dividendo dell’1,7%.