PIRELLI E’ USCITO DA COFIDE

11 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Il Gruppo Pirelli è uscito dal capitale di Cofide dopo lo scioglimento del patto di sindacato della società.

“Nei mesi di gennaio e febbraio”, si legge nella relazione al bilancio 1999, “è stato venduto l’intero portafoglio azionario detenuto dal Gruppo in Cofide pari a 18,4 milioni di azioni ordinarie”. L’operazione ha comportato una plusvalenza lorda di 16 milioni di euro (un euro vale 1936,27 lire).

Nel dicembre scorso, dopo lo scioglimento del patto, il Gruppo Pirelli aveva l’1,73% di Cofide attraverso Pirelli & C., lo 0,79% attraverso Sip e lo 0,75% attraverso Trefin.

Nel corso dell’assemblea degli azionisti il presidente di Pirelli & C. Marco Tronchetti Provera ha affermato che “non sono previsti aumenti di capitale a pagamento”. La posizione finanziaria netta della società, che a fine marzo 2000 presenta un indebitamento netto di 2,5 miliardi di euro, “migliorerà radicalmente nel corso dell’anno”.

In Borsa, Pirelli SpA perde il 2,92%; Pirelli & C. lascia l’1,54%; Cofide è in ribasso del 3,72%.