PIAZZA AFFARI: ASSICURATIVI GIU’, PESA DOWNGRADE

14 Gennaio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Il comparto dei titoli assicurativi è in sofferenza. A Piazza Affari la migliore è Alleanza Assicurazioni (-0,41% a €12,29), mentre perdono terreno Generali (-1,53%), RAS (-2,82%) e SAI (-1,53%).

In leggero calo anche La Fondiaria (-0,36%). L’indice Eurostoxx del settore segna 320,25 punti (-2,37%).

Per la banca d’affari USA i titoli del settore assicurativo “soffrono le conseguenze della tragedia di New York, che ha colpito le principali compagnie nel mondo, e il rallentamento dell’economia”.

Oggi gli analisti di Schroeder Salomon Smith Barney hanno emesso un giudizio negativo sul comparto in generale, esprimendo giudizi migliori sono per Generali, giudicata “Outperformer” e Alleanza è “Neutral”.

Pietro Casano, analista di Gestnord Intermobiliare SIM spiega la view di SSSB e si sofferma sui principali titoli italiani del settore.

“E’ evidente – dice Casano – che la possibile ripresa dell’economia nel primo trimestre di quest’anno potrà avere effetti sui titoli solo a partire dal secondo trimestre dell’anno, ma è anche vero che nel listino italiano ci sono alcuni titoli che noi giudichiamo ‘Outperformer’, cioè che faranno meglio del mercato”.

“Uno di questi – dice ancora Casano – è proprio Generali, sul quale SSSB ha la nostra stessa visione: il vantaggio competitivo della società triestina è che, rispetto ad altri titoli, ha una diversificazione più eterogenea del proprio portafoglio, inteso come strumento per poter fare utili, e anche per un migliore posizionamento nel mercato pensionistico italiano”.

Da tenere d’occhio in chiave di trading, secondo Casano, anche Unipol (-1,54%) e i titoli coinvolti nel caso Fondiaria, cioè la stessa società fiorentina e SAI.

“E’ chiaro – conclude Casano – che questi titoli hanno un’andamento legato alle notizie sugli sviluppi dell’intesa tra le due società e Toro Assicurazioni. Se alla fine Fondiaria dovesse trovare un’accordo con Toro, (come sembrerebbe dagli ultimi sviluppi), la società fiorentina si troverebbe in una situazione molto buona, mentre Premafin (che controlla SAI) potrebbe rischiare di perdere buona parte del proprio capitale di controllo della società a causa delle operazioni di eventuale concambio. Staremo a vedere”.