Petrolio, l’Opec conferma un aumento limitato della produzione

3 Agosto 2022, di Gianmarco Carriol

I maggiori esportatori di petrolio del mondo, riuniti oggi all’assemblea dell’Opec, hanno concordato un aumento simbolico della produzione di greggio da settembre, incapaci e riluttanti a compensare l’inasprimento del mercato mondiale da parte delle sanzioni occidentali alla Russia.

L’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (Opec) ha deciso infatti di aumentare le proprie quote di produzione di 100.000 barili al giorno da settembre, un livello superiore a quello pre-pandemia. Tuttavia, gli analisti si sono affrettati a sottolineare che la maggior parte dei membri dell’Opec non era in grado di aumentare la produzione a breve termine, il che significa che l’aumento effettivo sarà molto più contenuto, probabilmente inferiore a 50.000 barili al giorno.

Secondo alcune fonti, l’Opec ha rifiutato di passare a maggiori aumenti della produzione per la mancanza di capacità in eccesso tra i membri per aggiungere più barili, nonché per la necessità di un’ulteriore cooperazione con la Russia, come parte del più ampio gruppo Opec+. Oggi i future del petrolio Brent di riferimento sono aumentati di circa $ 3 al barile su decisione dell’Opec, scambiando vicino a 102 dollari al barile.

“La disponibilità limitata di capacità in eccesso richiede di utilizzarla con grande cautela in risposta a gravi interruzioni dell’approvvigionamento”, ha affermato l’Opec in una dichiarazione dopo la riunione del comitato di monitoraggio ministeriale congiunto.

Le prospettive per il petrolio

L’esito dell’incontro sarà una delusione per l’amministrazione Biden, soprattutto dopo che lo stesso presidente si era recato in Arabia Saudita il mese scorso per premere su un aumento abbastanza alto da neutralizzare gli aumenti dei prezzi della benzina.

Sebbene l’Opec non l’abbia menzionata, la più grande interruzione all’approvvigionamento rimangono le sanzioni statunitensi ed europee alla Russia, che in primavera hanno causato un forte calo della produzione del secondo esportatore mondiale. ,Egli ultimi dati sulla produzione della Russia suggeriscono che il miglioramento sta rallentando.

L’Opec ha avvertito che è probabile che la mancanza di investimenti nel settore avrà un impatto sul mercato globale nel prossimo futuro: “L’incontro ha rilevato con particolare preoccupazione che investimenti insufficienti nel settore a monte avranno un impatto sulla disponibilità di un’offerta adeguata in modo tempestivo per soddisfare la crescente domanda oltre il 2023”.

L’Opec lamenta da anni che la riallocazione degli investimenti verso altre forme di energia come le rinnovabili ostacolerebbe la sua capacità di mantenere adeguatamente rifornito un mercato mondiale in crescita. Le compagnie petrolifere occidentali hanno fatto eco a tali preoccupazioni. “Ciò che ha richiesto anni per essere realizzato, richiederà anni per essere modificato”, ha affermato Eric Nuttall, partner di Ninepoint Energy Fund, su Twitter.

Nuttall prevede un “mercato rialzista pluriennale” del petrolio, a causa dell’esaurimento della capacità in eccesso dell’Opec e degli investimenti insufficienti delle major globali. Nel breve periodo, tuttavia, i prezzi sono sotto pressione dal calo della domanda a causa del rallentamento dell’economia globale. I prezzi al dettaglio della benzina negli Stati Uniti sono scesi del 17% nelle ultime sette settimane da quando hanno raggiunto il picco di oltre 5 dollari al gallone a giugno.