Perché investire nell’immobiliare britannico è un affare

9 Luglio 2014, di Redazione Wall Street Italia

LONDRA (WSI) – Il capo economista di Berenberg, la seconda banca più antica al mondo dopo MPS, ha provato a spiegare alcuni dati sui prezzi nell’immobiliare britannico.

Paragonando l’indagine di Halifax, banca inglese, con i dati più recenti a livello nazionale, Rob Wood ha concluso che l’inflazione dei prezzi delle case si è stabilizzato, intorno al 10% annuo.

Wood spiega: “Il ritmo di crescita non sta rallentando, ma si è stabilizzato. Norme più severe e la reale possibilità di un rialzo dei tassi di interesse quest’anno hanno stabilizzato l’inflazione dei prezzi reali a tassi forti. Penso che ora vi sarà un miglioramento del 10% nel 2014 e di un ulteriore 10% nel 2015”.

“Le norme più severe introdotte nel mese di aprile” ha poi concluso “attraverso il riesame del mercato ipotecario, sono principalmente un problema amministrativo per le banche. Ci aspettiamo che le approvazioni dei mutui tornino nella loro tendenza al rialzo nei prossimi mesi”.