PARIGI, AMSTERDAM E BRUXELLES VERSO UN’UNICA BORSA

16 Marzo 2000, di Redazione Wall Street Italia

Gran fermento tra le Borse europee: ma stavolta non per l’andamento dei listini. Parigi Amsterdam e Bruxelles starebbero preparandosi a unirsi in un’unica Piazza, dove ognuna troverà poi la propria specificità.

Parigi in particolare dovrebbe trattare i titoli a forte capitalizzazione; Amsterdam tratterebbe i derivati (future, option); Bruxelles invece diventerebbe il punto di riferimento delle piccole e medie imprese.

La ragione di questo accorpamento va ricercata nella crescente competizione fra i mercati al di qua e al di là dell’Atlantico.

Non a caso a New York il Nasdaq sta progettando di aprire un mercato dove trattare titoli europei, e del resto gli stessi investitori stanno dimostrando di operare ormai per settore e non per Paese.

L’accorpamento fra Parigi, Amsterdam e Bruxelles potrebbe per alcuni rappresentare il nucleo di un’unica grande Borsa europea che si potrebbe realizzare nel lungo termine.

Ma c’è anche la Borsa di Londra in movimento, che ha deciso di trasformarsi in spa e di quotarsi entro breve tempo essa stessa in Borsa.