Oro analisi: sulle prospettive pesa la forza del dollaro

27 Aprile 2022, di Gianmarco Carriol

L’oro è stato recentemente danneggiato dalla forza del dollaro, ma il rally rialzista del dollaro è a un punto di resistenza estremo che potrebbe portare ad una battuta d’arresto e quindi aiutare l’oro a staccarsi dal supporto. Attualmente, la correlazione a 10 giorni tra l’oro e il DXY è -0,88, il che significa che si stanno muovendo quasi in direzioni opposte.

Non preferisco fare riferimento soltanto alle correlazioni, specialmente se si considerano input a breve termine, ma in tal caso è chiaro che il dollaro sta danneggiando l’oro. Anche senza guardare le metriche, non è difficile supporre che il rialzo del dollaro americano sia elevato.

Analisi tecnica oro – XAU/USD

Grafico giornaliero DXY - Tradingview

Il DSI (Daily Sentiment Index), una misura del sentiment dei trader di futures, mostra un rialzo del 95%. Abbinato al massimo di marzo 2020 a 103,00 punti come resistenza, abbiamo le condizioni per una correzione/inversione del dollaro USA. Se tale visione dovesse essere giusta, allora la pressione al ribasso sull’oro dovrebbe ridursi.

Il minimo di marzo per l’oro a $1.890 continua ad essere un supporto importante, anche dopo essere stato rotto molto brevemente durante la mattinata; ciò fa ben sperare che continui a resistere. Finché non vediamo una chiusura giornaliera inferiore a $1890, le prospettive appaiono neutre.

Guardando più in alto, c’è una resistenza immediata intorno al 1916 – 1919, ma non vista come maggiore. Un rally verso la trendline al di fuori dei massimi storici sembra un obiettivo ragionevole se otteniamo una spinta dalla debolezza dell’USD. Il rischio/rendimento in generale dal supporto è molto interessante anche se l’obiettivo di raggiungere la trendline non dovesse essere rispettato.

Grafico giornaliero XAU/USD - Tradingview