Dobbiamo temere una spirale salari-prezzi?

di Audrey Bismuth (La Française AM)
13 Marzo 2023 14:35

Sviluppata dall’economista neozelandese William Phillips nel 1958, la curva di Philips illustra una relazione empirica negativa tra il tasso di disoccupazione e l’inflazione. La correlazione negativa tra disoccupazione e inflazione è veicolata dai salari, le cui variazioni tendono ad andare di pari passo con i prezzi al consumo. Il potere contrattuale dei lavoratori aumenta se la forza lavoro disponibile è limitata, cioè se la disoccupazione è bassa e le tensioni nelle capacità produttive sono elevate.  Tuttavia, a partire dagli anni ’90 questa correlazione è diventata più sfumata in molti Paesi. Le ragioni alla base di questa tendenza sono molteplici.

Dopo la grave recessione del 2008-2009, il calo del tasso di disoccupazione negli Stati Uniti non ha portato a un’impennata significativa dei salari. Secondo il Bureau of Labor Statistics (BLS), il tasso di disoccupazione è sceso dal 10% a meno del 4% prima della pandemia Covid, mentre il tasso di crescita dei salari è rimasto stabile intorno al 2% nel periodo 2009-2015 per poi salire al 3% nel triennio 2016-2019. Questa relazione negativa più debole tra disoccupazione e salari potrebbe indicare un eccesso di capacità maggiore di quello che potrebbe essere suggerito dai tassi di disoccupazione. Nel marzo 2018, in Francia, uno studio dell’Istituto Nazionale di Statistica e Studi Economici (Institut National de la Statistique et des Etudes Economiques, INSEE) ha indicato che il coefficiente di correlazione tra le variazioni salariali e la disoccupazione negli Stati Uniti era addirittura positivo tra il 2011 e il 2015. L’analisi ha concluso che “la disoccupazione ha un impatto sulle fluttuazioni salariali, ma la produttività rimane un importante fattore determinante nel lungo periodo”. La persistente debolezza della produzione per ora lavorata può ridurre la redditività aziendale e, in ultima analisi, incidere sulla crescita dei salari, in quanto le aziende diventano meno disposte a concedere aumenti salariali in rapida successione. Nel settembre 2017, una ricerca del Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha inoltre indicato che l’aumento di persone insoddisfatte di lavorare part time (ovvero persone che vorrebbero lavorare di più) e un maggiore ricorso a lavori temporanei stanno limitando la crescita dei salari. Altre ragioni spesso citate sono l’aumento dell’automazione, le minori aspettative di crescita a medio termine, la crescita del settore dei servizi e l’aumento dell’offerta di lavoro in un contesto di globalizzazione che ha aumentato la concorrenza tra le imprese, in particolare dopo l’ingresso della Cina nell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) negli anni 2000.

La pandemia di Covid-19 ha anche alterato le dinamiche dei rapporti con i dipendenti all’interno delle aziende, visti gli sviluppi dell’economia globale. La pandemia, e i suoi successivi stimoli, hanno accelerato lo squilibrio tra domanda e offerta nel mercato del lavoro. Attualmente, negli Stati Uniti, ci sono 4,7 milioni di posti di lavoro disponibili in più rispetto alle persone che li occupano (Bureau of Labor Statistics, novembre 2022). Questo divario era di 1 milione di persone prima del 2019. Il numero crescente di datori di lavoro che hanno difficoltà di reclutamento deriva dalla sempre maggiore discrepanza tra le competenze, gli interessi e l’esperienza di chi cerca lavoro e le posizioni che i titolari vogliono occupare. Secondo Lightcast (dicembre 2022), la forza lavoro statunitense è diminuita di 2 milioni di unità a causa del calo dell’immigrazione, del pensionamento anticipato dei baby boomer e dell’invecchiamento della popolazione (secondo il Census Bureau, gli americani di età superiore ai 65 anni costituiranno il 21% della forza lavoro entro il 2035). È quindi probabile che ci vorrà del tempo per sostituirli o riportarli sul mercato del lavoro, tanto più se si considera il significativo trasferimento di ricchezza dai baby-boomers alla Generazione Y (millennials), stimato in 68 trilioni di dollari da uno studio condotto nell’ottobre 2019 da Coldwell Banker. Tuttavia, il sostanziale calo dei risparmi in eccesso accumulati durante la pandemia, due terzi dei quali sono già stati utilizzati (una volta adeguati all’inflazione) secondo gli esperti di Alpine Macro, dovrebbe indurre gli americani a tornare sul mercato del lavoro. Inoltre, sono proprio i giovani e i lavori con le qualifiche più basse la fonte della crescita dei salari e del mantenimento del tasso di disoccupazione a livelli storicamente bassi. Il numero di giovani attivi tra i 20 e i 24 anni rimane di 1,7 punti al di sotto del livello pre-pandemia e i salari dei giovani tra i 16 e i 24 anni sono aumentati di oltre il 12% secondo il monitoraggio sui salari effettuato dalla Fed di Atlanta (gennaio 2023), mentre i salari sono aumentati del 6,3% in generale. Inoltre, i miglioramenti delle condizioni del mercato del lavoro sono più vantaggiosi per i lavoratori meno pagati. Di conseguenza, il loro potere contrattuale si sta rafforzando. I dati raccolti dalla Fed di Atlanta mostrano che i salari dei lavoratori meno qualificati sono aumentati del 6,6% a gennaio rispetto a un anno prima, mentre quelli dei lavoratori più qualificati sono aumentati del 6,1%.

Sebbene la correlazione negativa tra disoccupazione e inflazione non sia sempre evidente, ci si chiede se l’aumento aggressivo dei tassi di interesse – il principale strumento delle banche centrali nella lotta all’inflazione – sia del tutto giustificato, in quanto potrebbe coinvolgere l’economia globale in una recessione e in un’inutile perdita di posti di lavoro. La spirale salari-prezzi, tanto temuta dai banchieri centrali, rischia di instaurarsi?

Nel World Economic Outlook dell’ottobre 2022, l’analisi del FMI di situazioni simili a quella del 2021, in cui l’inflazione era in aumento e la crescita dei salari era positiva ma i salari reali e il tasso di disoccupazione erano stagnanti o in calo, era rassicurante. Il FMI ha evidenziato che ” considerando che gli shock inflazionistici hanno origine al di fuori del mercato del lavoro, che il calo dei salari reali sta contribuendo a rallentare l’inflazione e che la politica monetaria si sta restringendo in modo più aggressivo, le possibilità che emergano spirali salari-prezzi persistenti appaiono limitate”. L’ultimo rapporto dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) ha inoltre rilevato che “nei paesi ad alto reddito, la crescita dei salari reali è stata inferiore alla crescita della produttività dal 2000. Mentre il forte calo della crescita della produttività del lavoro nel 2020 ha momentaneamente ridotto il divario, l’erosione dei salari reali nella prima metà del 2022, combinata con una crescita positiva della produttività, ha nuovamente aumentato il divario tra produttività e crescita dei salari”. Lo studio afferma che nel 2022 il divario tra la crescita della produttività e quella dei salari ha raggiunto il punto più alto dall’inizio del XXI secolo, con una crescita della produttività di 12,6 punti percentuali superiore alla crescita dei salari. Sembra quindi che “in molti paesi ci sia la possibilità di aumentare i salari senza temere di generare una spirale salari-prezzi”. Infine, gli economisti sottolineano che il calo della popolazione attiva sarà un fattore che contribuirà a ridurre l’inflazione nel lungo periodo. Con una minore crescita del reddito, la spesa per i consumi è destinata a diminuire e il mercato del lavoro dovrebbe riequilibrarsi attraverso un tasso di disoccupazione di equilibrio naturale più basso (NAIRU, Non-Accelerating Inflation Rate of Unemployment, ovvero il tasso di disoccupazione più basso che può essere sostenuto senza causare un aumento dell’inflazione). Il NAIRU è diminuito gradualmente dalla fine degli anni ’80, passando dal 6,3% al 4,4% attuale. Secondo il Congressional Budget Office, dovrebbe scendere al 4,25% entro il 2032.