Yahoo si avvia a tagliare il 15% della forza lavoro

2 Febbraio 2016, di Alessandra Caparello

SUNNYVILE (WSI) – Chiusura di alcune divisioni e tagli fino al 15% della forza lavoro. Queste le prossime mosse di Yahoo, da tempo in crisi per risultati troppo deludenti, tanto che gli investitori chiedono la vendita della compagnia o la sostituzione del ceo Marissa Mayer.

Secondo le stime degli analisti, Yahoo dovrebbe chiudere il quarto trimestre con ricavi in calo a 1,23 miliardi e un utile operativo di 900 milioni di dollari nell’intero esercizio 2015, scendendo sotto al miliardo di dollari per la prima volta in almeno sei anni.

Eric Jackson, managing director di SpringOwl Asset Management – uno degli investitori più critici nei confronti della gestione attuale di Yahoo – precisa che il taglio del 15% della forza lavoro equivale a licenziare 1700 persone. Ma per Jackson il “problema principale è che Merissa Mayer resterà amministratore delegato”. Anche Starboard Value, altro investitore di Yahoo, è molto critico: “qualunque cosa che non sia “stiamo valutando di vendere il core business” non è abbastanza”.